Attualità

#BrindisiChiama, la call del consiglio comunale dei ragazzi diventa un instant book

L'iniziativa è promossa dal Comune di Brindisi, ambito Brindisi-San Vito dei Normanni, in collaborazione con il servizio “La Città dei Ragazzi” gestito dalla cooperativa sociale "Amani"

BRINDISI - #BrindisiChiama, la call lanciata dal servizio “La Città dei Ragazzi” lo scorso 20 novembre in occasione della “Giornata Internazionale per i Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza”, diventa un instant book da oggi on line (sfogliabile al link). Un omaggio da parte dei membri dell'uscente consiglio comunale dei ragazzi ai propri coetanei e alla cittadinanza intera, proprio mentre prende il via la campagna elettorale per i consigli scolastici dei ragazzi. In un autunno ricco di incontri, scambi, occasioni di riflessione e partecipazione attiva, nonostante le difficoltà del momento, i ragazzi di tutte le scuole della città non hanno perso l'occasione di esprimersi in merito a un tema che gli sta molto a cuore: i propri diritti. Nasce così un instant book ricco di idee, riflessioni sulla città e proposte, ma anche una limpida e diretta richiesta di complicità e impegno rivolta agli adulti. Tanti i diritti citati nella raccolta, tra questi: avere una famiglia, istruzione, essere felici, vivere in un mondo pulito, bellezza, pace, gioco, sport, privacy e informazione.

Nelle pagine della pubblicazione, viene dato spazio agli interventi del sindaco di Brindisi Riccardo Rossi, dell'assessore al welfare e ai servizi sociali Isabella Lettori, del presidente del consiglio Comunale Giuseppe Cellie, delle insegnanti Amelia Carluccio, Claudia Massagli e Anna Lacitignola. Attraverso un linguaggio semplice, i ragazzi e le ragazze delle scuole della città lanciano un invito: osservare Brindisi dal punto di vista dei più giovani, dare valore al loro impegno, alle loro aspettative, alle speranze e ai sogni. Il servizio “La Città dei Ragazzi”, un “luogo non luogo” in un momento di emergenza sanitaria, è riuscito ad “aggregare” 4.200 studenti e 180 classi di tutti gli istituti comprensivi della città lungo un percorso di cittadinanza, democrazia e responsabilità che ha portato alla scelta dei candidati alle elezioni dei nuovi consigli scolastici dei ragazzi. Da ottobre a dicembre sono stati circa 280 gli incontri svolti in presenza, presso le scuole della città, presso il centro di aggregazione giovanile del quartiere Paradiso, presso il centro anziani del quartiere Bozzano, e in remoto per andare incontro a tutti quei genitori che hanno espressamente chiesto che i propri figli potessero partecipare “a distanza”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

#BrindisiChiama, la call del consiglio comunale dei ragazzi diventa un instant book

BrindisiReport è in caricamento