Attualità

Ance, il presidente incontra il prefetto: "Importante dialogare con le istituzioni per lo sviluppo del territorio"

Nel corso dell’incontro è stata più volte evidenziata la necessità di contrastare il fenomeno del dumping contrattuale e del lavoro nero

BRINDISI - “E’ necessario lavorare in piena sinergia per cogliere tutte le opportunità di crescita sociale, civile ed economica che la provincia e l’intero Paese sicuramente meritano”.  Queste le parole del prefetto di Brindisi Carolina Bellantoni riportate nella nota di saluto alla città, in occasione del suo insediamento. E lo stesso invito ha ribadito durante l’incontro con il presidente di Ance Brindisi Angelo Contessa, sottolineando l’importanza di favorire l’interlocuzione tra le istituzioni e il mondo delle imprese per sviluppare le tante potenzialità che il territorio presenta. 

Un approccio costruttivo, indubbiamente condiviso dal numero uno della sezione provinciale dell’associazione costruttori edili che già nel suo programma elettorale aveva indicato come prioritario l’avvio di una nuova stagione di dialogo con gli stakeholder e che, nelle ultime settimane, sta portando avanti con la calendarizzazione di una serie di incontri volti a mettere in atto concrete iniziative per il settore edile e, più in generale, per il rilancio dell’economia del territorio.  Tra queste, l’adesione al tavolo per la legalità, salute e sicurezza sul lavoro, promosso proprio dalla prefettura di Brindisi, e che vedrà la redazione di un Protocollo d’intesa unitario sulla salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro. 

Su questo tema, il presidente Contessa ha sottolineato l’opportunità di implementare un apposito scambio di informazioni circa il rilascio dei titoli abilitativi (compresa l’edilizia libera), allegando il Durc e la dichiarazione dell’organico medio annuo. E, in tal senso, ha assicurato la massima disponibilità degli enti bilaterali per raccogliere tali dati che saranno poi riportati periodicamente alla prefettura per consentire la verifica di eventuali anomalie sull’ apertura dei cantieri, relativamente a contratto di categoria applicato, congruità della manodopera e regolarità contributiva. Nel corso dell’incontro con il prefetto Bellantoni è stata, infatti, più volte evidenziata la necessità di contrastare il fenomeno del dumping contrattuale e del lavoro nero, nella convinzione che quest’ultimo rappresenti una vera e propria piaga per il settore edile. 

Per tutelare le imprese sane e garantire un sistema economico non viziato è necessario prevenire e non reprimere. Questo il concetto emerso nel corso della riunione e che potrà trovare attuazione solo attraverso la condivisione di un percorso di lavoro unitario. Il prefetto Bellantoni ha poi fatto riferimento alle tante potenzialità che la città di Brindisi offre - la ricchezza di infrastrutture, la varietà di elementi architettonici, la predisposizione a far coesistere il tessuto industriale con la vocazione turistica, solo per citarne alcune - e che potranno essere sviluppate solo se tutti gli attori del territorio sapranno dialogare in modo proficuo ed efficace, collaborando per il bene comune. E su questo Ance Brindisi ha confermato piena e convinta disponibilità.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ance, il presidente incontra il prefetto: "Importante dialogare con le istituzioni per lo sviluppo del territorio"

BrindisiReport è in caricamento