menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Esperti e Siulp: “Legittima difesa, con la nuova norma rischio Far West”

Il procuratore capo De Donno: “Tema delicato, tra aspettative e confusione”. Il penalista La Scala, presidente nazionale Genus: “Diventeremo tutti Rambo, schizofrenia normativa”

BRINDISI – Se il ministro degli Interni Matteo Salvini esulta di fronte alla nuova legge sulla legittima difesa, i “tecnici”, non nascondono una serie di perplessità e neppure il timore che da quel provvedimento-manifesto della Lega, possa scaturire il rischio di dover raccontare in Italia scenari da Far West. Rischio concreto di fronte a una “schizofrenia normativa”, secondo l’avvocato penalista Antonio Maria La Scala, presidente nazionale dell’associazione Gens Nova Onlus, tra i relatori del convegno organizzato a Brindisi dal Siulp.

Il convegno

evento Siulp Brindisi su legittima difesa - il questore Ferdinando Rossi-2

Le criticità ravvisabili nella nuova disciplina della legittima difesa, partorita su input del vice premier, sono state affrontate questa mattina dopo i saluti del segretario provinciale del Sindacato italiano unitario dei lavoratori di polizia, Massimiliano Cesario e del questore Ferdinando Rossi, per il quale la tematica resta di stringente attualità tenuto conto dell’esigenza di sicurezza chiesta dai cittadini.

“Da un lato c’è aspettativa elevata, dall’altro c’è anche tanta confusione alimentata dai media”, ha detto il procuratore capo di Brindisi, Antonio De Donno, relatore sugli aspetti tecnico-giuridici dell’intervento legislativo. De Donno ha evidenziato che il concetto di legittima difesa in Italia sia più esteso rispetto alla tutela in ambito europeo: “Esiste la tutela del patrimonio e non solo della persona”.

I recenti casi di cronaca

IMG-20190618-WA0024-2“L’argomento può sembrare antipatico e in controtendenza rispetto all’opinione pubblica, ma una riflessione è quanto mai doverosa partendo da tre casi di cronaca recenti di cui molti di discute”, ha detto La Scala. Il primo è quello di un ragazzo di 17 anni, albanese, sparato mentre guadagnava la fuga da un appartamento; il secondo è relativo alla ragazza di Ostia che ha ucciso il padre non già perché esasperata dalle continue aggressioni, ma per sottrarsi all’aggressione del genitore che in quel momento aveva un coltello, quindi, per difendere la propria vita. La giovane è stata scarcerata per mancanza dei gravi indizi di colpevolezza e questo in verità era possibile già tenuto conto della legittima difesa, così come era stata definita nel Codice Rocco che risale al 1930. Nulla c’entra la nuova disciplina, a differenza di quel che si crede”, ha sottolineato il penalista. “E ancora il caso del tabaccaio che ha ucciso un ladro alle spalle: quell’uomo è indagato e probabilmente sarà rinviato a giudizio”.

Le criticità

evento Siulp Brindisi su legittima difesa - professore La Scala-2“La prima criticità è legata al fatto che viene imposto per legge un dato che andrebbe valutato nel corso del confronto dibattimentale, ossia il giudizio di proporzionalità che da oggi riguarda la vita umana e la proprietà privata. Si tratta di un principio di populismo puro che non può reggere sul piano tecnico poiché parliamo di beni giuridici diversi”, ha spiegato La Scala.

“C’è poi il riferimento al grave turbamento e mi chiedo: esiste un turbamento che non sia grave?. E ancora, nella nuova legge, si usa una circostanza aggravante per escludere la punibilità nel momento in cui si fa riferimento alle circostanze di luogo, di tempo e di persona. C’è pure il riferimento all’arma legittimamente detenuta, quindi c’è da chiedersi cosa succede nei casi in cui: l’arma non sia legittimamente detenuta, oppure si usi un’arma atipica come il coltello da cucina”.

Il rischio e la schizofrenia normativa

Non solo. “Il legislatore parla di intrusione con violenza o con minaccia: nel primo caso è possibile che l’oggetto siano le cose, nell’altro ci si riferisce alle persone”. La conclusione: “Con queste norme si corre il rischio di un lento avviamento al Far West”, ha detto il penalista. “Diventeremo tutti Rambo, per questo mi fa paura la nuova legge. Vero è che l’esigenza di tutelare il cittadino resta ottima, ma l’impianto codicistico esistente già dal 1930 garantiva la legittima difesa e l’assoluzione. Il problema è la schizofrenia normativa”, ha detto. “Lo stesso discorso vale per la corruzione che resta il reato più diffuso nella Pubblica Amministrazione. Per questo motivo, credo sia necessario puntare su maggiore informazione e sulla formazione per gli operatori, per i ragazzi e per le scuole: con la sola repressione, i reati non diminuiscono. E poi è necessario che sia certezza della pena: mentre si paga il conto con la giustizia, deve esserci la rieducazione”.

Il Siulp

“Sono contrario alla politica del Far West”, ha detto Vincenzo Annunziata, segretario nazionale del Siulp: “Non bisogna delegare al cittadino la difesa di un recinto, né tanto meno il concetto di legittima difesa può significare l’abolizione dei processi. Siamo di fronte a una  legislazione d’impeto rispetto alla quale sono contrario, perché il diritto deve essere spogliato delle emergenze”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Bandiera Blu 2021: ecco le migliori spiagge nel Brindisino

Alimentazione

I motivi per cui il peso varia da un giorno all'altro

Attualità

Il razzo spaziale cinese cade vicino alle Maldive: Puglia "risparmiata"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento