Risalgono i contagi in Puglia: 13 registrati oggi ma nessuno nel Brindisino

Le province colpite sono quelle di Lecce e Foggia. Nel Brindisino i casi positivi in totale sono 670 dall'inizio della pandemia

BRINDISI - Si registra anche oggi un aumento di casi positivi da Covid-19 nella regione Puglia. Secondo i dati diffusi dal bolletino epidemiologico, sulla base delle informazioni del direttore del dipartimento promozione della salute Vito Montanaro, su 1901 test sono stati registrati 13 casi positivi: 6 nella provincia di Foggia e 7 in quella di Lecce. E’ stato registrato un solo decesso, nella provincia di Foggia.

Dall'inizio dell'emergenza sono stati effettuati 225690 test. 3962  sono i pazienti guariti. 67 sono i casi attualmente positivi. Il totale dei casi positivi Covid in Puglia è di 4578  così suddivisi: 1.500 nella Provincia di Bari, 382 nella Provincia di Bat, 670 nella Provincia di Brindisi, 1178 nella Provincia di Foggia, 537 nella Provincia di Lecce, 281 nella Provincia di Taranto, 30 attribuiti a residenti fuori regione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le dichiarazioni dell'epidemiologo Pierluigi Lopalco

"Il virus continua a circolare a bassa intensità, ma circola. Proviamo a scoppiare quanti più palloncini possibile, prima che arrivi l’autunno". Lo scrive su Facebook l’epidemiologo Pierluigi Lopalco, capo della task force per l’emergenza Coronavirus della Regione Puglia. Lopalco analizza la situazione italiana utilizzando la metafora dei palloncini: "Dove andranno a finire i palloncini...si interrogava Renato Rascel nel famoso ritornello. E noi ci poniamo una domanda non banale: ma l’estate, che fine fanno i virus del raffreddore?". "Non vi nascondo che la risposta è complicata - afferma - e credo che la pandemia di Covid-19 ci aiuterà a dare risposte più robuste. Sulla stagionalità dei virus respiratori esistono pochi dubbi. Il raffreddore, del resto, si chiama raffreddore per un motivo. In inglese lo chiamano 'cold’, più chiaro di così. È dunque una malattia legata alla stagione fredda. Il freddo, che predispone ad inoculi virali più consistenti, insieme alla ripresa delle attività al chiuso, fanno aumentare la circolazione e l'espressione clinica di questi virus", spiega. "Quello che osserviamo ora in molte regioni italiane rispetto all’epidemia di Covid-19 è che l’attività locale del virus si è praticamente spenta". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rapinatori armati di mazza nel centro commerciale Le Colonne: caos tra gli avventori

  • Nuovi contagi nelle scuole: positivi a Brindisi, Ostuni, Ceglie e Fasano

  • Coronavirus: nuovo picco in Puglia, contagi in aumento a Brindisi

  • Positivi al covid andavano a lavorare in campagna: denunciati

  • Bambino positivo al Covid: lo sfogo della zia, contro ignoranza e maldicenze

  • Coronavirus, escalation di ricoveri. Nel Brindisino continuano ad aumentare i positivi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BrindisiReport è in caricamento