Lunedì, 20 Settembre 2021
Attualità

Brindisi. Disagio sociale ed economico, i sindacati incontrano il Prefetto

Video conferenza martedì 21 aprile, anche, sul monitoraggio delle attività di prevenzione e contrasto dei fenomeni criminosi

BRINDISI - Nell'ambito delle misure di contenimento anti Covid-19 Il Prefetto di Brindisi, su indicazione del ministro dell'interno, ha programmato una serie di incontri con i diversi attori Istituzionali della Provincia alla presenza deìi Cgil, Cisl, Uil e Ugl, per avviare un monitoraggio del disagio economico-sociale e contestualmente un attività di prevenzione dei fenomeni criminosi e di ogni forma di illegalità. Il primo incontro programmato in video conferenza per il 21 aprile alle ore 10 si articolerà in quattro momenti dedicati alle dinamiche societarie del settore industriale ed artigianale, della distribuzione al dettaglio della piccola e media impresa, del comparto turistico-alberghiero e della ristorazione e della filiera alimentare.

"Il monitoraggio - spiega Antonio Macchia, segretario generale Cgil Brindisi - si rende necessario nell'ambito delle misure di contenimento della grave emergenza epidemiologica in atto in quanto oltre alle iniziative che riguardano la tutela della salute dei cittadini bisogna monitorare l'impatto economico-sociale delle scelte e delle politiche pubbliche in questo delicato e difficile contesto storico verificandone l'impatto a partire dalle fasce deboli della popolazione che sono quelle più esposte. La Cgil di Brindisi sarà presente all'incontro del 21 aprile per rappresentare le tante criticità riscontrate sul territorio a partire dalla sanitaria all'impatto sui settori economici individuati dal Prefetto per il primo incontro di monitoraggio. Tanto si rende opportuno anche al fine di scongiurare il rischio che alle concrete e tangibili difficoltà delle imprese, del mondo del lavoro e dei cittadini in questo momento si accompagnino tensioni sociali che sfocino in una recrudescenza di fenomeni mafiosi e criminali dovuti all'emergenza lavorativa ed economica".

Tra le tematiche che si affronteranno, anche, quella dell'attività di contenimento dei fenomeni criminali: "Essi costituiscono una minaccia agli equilibri delle ordinarie regole di concorrenza - continua Macchia -  e che possono infiltrarsi a partire dal settore turistico alberghiero, come nel settore industriale, artigianale e agroalimentare andando a compromettere quell'esercizio dell'attività di impresa costituzionalmente garantito anche con riferimento al pervasivo fenomeno dell'usura. In particolare, poichè in un territorio come il nostro, caratterizzato da minore sviluppo ed altissimi tassi di disoccupazione, vi è il concreto rischio di incappare in forme di sostegno da parte di organizzazioni criminali. A tal fine occorre veicolare al massimo l'informazione sulla situazione del territorio e il dialogo con le parti sociali. La nostra esigenza - conclude il segretario della Cgil Brindisi - è quella di uscire da questa terribile crisi economica con una società migliore e più attenta ai diritti e ai bisogni dei cittadini più deboli". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Brindisi. Disagio sociale ed economico, i sindacati incontrano il Prefetto

BrindisiReport è in caricamento