menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Reddito di dignità, cinque assunzioni dopo bando ambito territoriale Brindisi 1

Contratti a tempo determinato per 36 ore settimanali per rafforzare gli uffici di piano dei Comuni di Brindisi e San Vito

BRINDISI – Tre anni dopo la pubblicazione dell’avviso per la selezione di risorse umane destinate al potenziamento degli uffici di piano, l’Ambito territoriale Brindisi 1 ha dato il via libera all’assunzione di cinque laureate per implementare il reddito di dignità e il sostegno per l’inclusione attiva:  due unità amministrative, un assistente sociale e due educatori, saranno in servizio con contratto a tempo determinato, sino alla fine dell’anno, per 36 ore settimanali.

Le assunzioni

Le new entry nell’Ambito Brindisi 1, che abbraccia il Comune capoluogo e quello di San Vito dei Normanni, sono le seguenti professioniste, inserite negli elenchi: Simona Capeto, assunta con profilo amministrativo di categoria D; Eugenia Brillantina, profilo amministrativo di categoria D; Alessandra Vaira, assistente sociale con categoria D; Tamara De Luca, profilo di educatore con categoria D e Marianna Neretino, profilo di educatore con categoria D.

Tutte hanno accettato l’incarico. Le prime due inizieranno a lavorare il prossimo 26 agosto, mentre le altre il 3 settembre, per lo meno stando a quanto di legge nella determina firmata dal dirigente dell’ufficio di piano, Costantino Del Citerna, nella giornata di oggi (23 agosto 2019).

I cinque nominativi sono stati attinti dalle graduatorie di merito approvate il 16 novembre del 2018 dal dipartimento della Regione Puglia per la Promozione della salute, del benessere sociale e dello sport per tutti.

Il finanziamento

Con gli innesti sarà possibile rafforzare i settori servizi sociali delle due Amministrazioni, potendo contare sul finanziamento concesso con decreto dal Ministero del  Lavoro e delle Politiche sociali del 9 dicembre 2017, dopo l’avviso relativo alle proposte di intervento per l’attuazione del sostegno per l’inclusione attiva. Si tratta di fondi che ammontano a 1.649.586 euro, a valere sul fondo sociale europeo, programmazione 2014-2020, programma operativo nazionale Pon inclusione.

L’obiettivo

L’obiettivo è “l’implementazione del Sia (sostegno per l’inclusione attiva) e del Red (il reddito di dignità”, entrambe misure per il contrasto della povertà e l’inclusione sociale, disciplinate nella convenzione sottoscritta tra l’Ambito e la Regione Puglia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Cavo elettrico si stacca nelle campagne: sei animali folgorati

settimana

Il premier albanese: "Trenta anni fa Brindisi mostrò la vera solidarietà"

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Droga e furti d'auto: blitz all'alba, otto arresti a Brindisi

  • Attualità

    Esodo albanesi un giorno dopo: l'assistenza dei Radioamatori

Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Scavi per Aqp a Mesagne, trovata una tomba medievale

  • social

    Frutta e verdura di stagione: la spesa di marzo

Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento