menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

In fase di completamento i lavori della fontana delle Ancore

Il bene sito in piazza Cairoli ha visto l’adeguamento degli impianti elettrici e la sostituzione di 36 corpi illuminanti

BRINDISI - Si sono conclusi i lavori propedeutici per il restauro e per la rifunzionalizzazione della fontana delle Ancore in piazza Cairoli. I lavori hanno riguardato principalmente l’adeguamento degli impianti elettrici: lo spostamento della cabina elettrica interrata (nel vano tecnico sottostante la piazza) ormai fuori norma e in condizioni di sicurezza precarie, la bonifica dei locali interrati ad uso tecnico, il ripristino dei solai e la completa tinteggiatura degli ambienti. È in fase di ultimazione anche la sostituzione dei corpi illuminanti (36), posti nelle nicchie intorno alla vasca della fontana, con lampade a led da 10W e di quelli  (8) posti al centro delle ancore con proiettori a led da 20W, e l’intervento nel vano tecnico per la sostituzione degli oblò (centimetri 30x40) in vetro antisfondamento posti nelle nicchie intorno alla vasca della Fontana. Questi interventi sono a cura e per le rispettive competenze, di Enel, Energeko Gas Italia e BrindisiMultiServizi srl.

Contestualmente erano stati affidati alla ditta Iconos, a seguito di regolare procedura concorsuale, i lavori di restauro presso la struttura monumentale della fontana, consistenti nella pulizia accurata delle parti lapidee del bene con impacchi di bicarbonato, nella rimozione delle parti degradate e nella sigillatura dei giunti e delle fessurazioni, interessate da notevoli infiltrazioni d’acqua, nella stuccatura dei giunti e nella stesura dello strato protettivo finale su tutte le superfici del monumento. Tali lavorazioni, a causa di problemi della ditta, sono state successivamente affidate alla ditta Lorenzoni srl, pure iscritta all’albo di fiducia della competente Soprintendenza. Quest’ultima, a seguito di richiesta inviata in data 7 maggio 2020, ha trasmesso il proprio parere favorevole in data 3 settembre 2020, così dando la possibilità di avviare concretamente i lavori di restauro e manutenzione straordinaria. Ieri (mercoledì 23 settembre) sono stati eseguiti i saggi previsti per il controllo della funzionaria della Soprintendenza archeologia belle arti e paesaggio per le province di Brindisi, Lecce e Taranto.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il razzo spaziale cinese cade vicino alle Maldive: Puglia "risparmiata"

Attualità

Arresto lampo dopo l'omicidio, il prefetto: "Un plauso alla polizia"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento