Multiservizi, la Giunta: "Priorità al verde pubblico". Eliminati rimozione auto e custodia parchi

Contratto prorogato, con modifiche, sino al 31 ottobre: riconversione del personale e squadre in ogni quartiere. Straordinario da contenere anche nella Energeko

BRINDISI – Dopo aver fatto la voce grossa con la “sua” società, il Comune di Brindisi ha ordinato alla Multiservizi di dare “priorità assoluta” alla tutela e alla manutenzione del verde pubblico, in pessime condizioni stando alle continue denunce dei cittadini, sia agli uffici di Palazzo di città, che sulle pagine Facebook dell’Amministrazione e dello stesso sindaco Riccardo Rossi.

MULTISERVIZI SEDE-2

La delibera di Giunta: priorità al verde

La Giunta ha deliberato la proroga del contratto con la partecipata, sino al prossimo 31 ottobre, in attesa di ridefinire costi e attività, non appena sarà terminato il processo di fusione per incorporazione con l’altra società di cui il Comune è socio unico, la Energeko gas. E ha rivisto gli affidamenti, sottolineando la necessità di garantire interventi quotidiani per la cura del verde, dagli alberi alle aiuole, in tutti i quartieri.

I tagli ad alcuni servizi

L’urgenza di assicurare la manutenzione del verde, ha portato l’esecutivo a decidere di “eliminare gli affidamenti del servizio di custodia dei parchi” e di quello relativo “alla rimozione delle auto”, con conseguente “riconversione del personale”. Sindaco e assessori hanno chiesto la formazione di squadre che siano al lavoro in ogni quartiere: nella relazione allegata alla delibera si parla di “nuclei stabili” per attuare le direttive della squadra di governo, su proposta dell’assessore ai Lavori Pubblici, Tiziana Brigante. La Giunta si è riunita il 26 agosto scorso (in quella occasione era assente solo l’assessore Mauro Masiello).

L’esecutivo ha prima di tutto preso atto della scadenza del contratto con la Multiservizi, arrivato al capolinea il 30 aprile, quindi ha evidenziato la necessità di garantire continuità ai servizi affidati, tenuto conto che a breve arriverà a conclusione l’iter per la fusione. Parallelamente, è stato prorogato il contratto anche alla società Energeko, sino alla fine del prossimo mese di ottobre.

multiservizi strade-2

Le nuove direttive: riduzione dello straordinario

La novità più rilevante attiene alla Multiservizi perché l’Amministrazione ha ufficialmente preteso maggiore attenzione alla cura del verde, impartendo “direttive” esecutive nell’immediato. Impossibile, andare oltre e tollerare la situazione di incuria generale. Per questo se da un lato c’è stata proroga per tre mesi, dall’altro è stato ritenuto indispensabile correggere il tiro potenziando il settore del verde.

Con la stessa delibera, la Giunta ha chiesto all’amministratore della Multiservizi, Giovanni Palasciano (nella foto), di “ridurre drasticamente l’utilizzo dell’istituto del lavoro straordinario, limitando solo a fronteggiare situazioni eccezionali non prevedibili”.  E di “operare una prima riorganizzazione aziendale, accorpando la responsabilità aziendale dei servizi in poche unità di lavoro, destinando le risorse umane scaturite dalla riorganizzazione stessa alla produzione”. In particolare è stato chiesto di “avviare tutti i procedimenti necessari e previsti normativamente al fine di sanare le situazioni di inidonietà lavorative poiché incidenti sui costi, sulla produttiva aziendale, sulla efficienza e sulla efficacia dei servizi”. Lo stesso vale per la Energeko.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le relazioni ogni 15 giorni

Giovanni Palasciano(1)-2Il Comune, sempre con la stessa delibera di Giunta, ha “prescritto a Palasciano” di “relazionare ogni quindici giorni sull’andamento delle società e sull’attuazione delle misure intraprese”, essendoci la necessità di coniugare l’equilibrio societario con la spesa del bilancio comunale. A Palazzo di città è stato accertato uno squilibrio di oltre un milione, rispetto al quale non è ancora stata comunicata l’adozione di alcuna misura.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz della Polizia contro la Scu: otto arresti fra Brindisi e Mesagne

  • Incidente in campagna: padre con la motozappa travolge il figlio

  • Prima svolta, indagato il presunto killer di Eleonora e Daniele

  • Scu, estorsioni nelle campagne: “Un euro per ogni quintale di grano prodotto”

  • Morte bianca di Francesco Leo: l'azienda patteggia la pena

  • Ospedale Perrino: la gestione dei parcheggi in mano alla Scu

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BrindisiReport è in caricamento