Venerdì, 22 Ottobre 2021
Attualità

Accoglienza turistica, Multiservizi cerca tre persone: 40 ore a settimana

Servizio dal primo luglio al 31 ottobre 2019. Manifestazione di interesse per la selezione di agenzie interinali

BRINDISI – Dall’estrazione del biogas nella discarica comunale di Autigno, alla ricerca di persone per il servizio di informazione e accoglienza turistica a Brindisi: la Multiservizi cerca tre persone a cui affidare il lavoro come guide per il periodo estivo, dal primo luglio sino al 31 ottobre. E si rivolge ad agenzie interinali.

La selezione

La notizia arriva direttamente della sede della partecipata del Comune di Brindisi. E’ stato pubblicata la determina firmata dall’amministratore unico, Giovanni Palasciano, in carica dal 24 settembre 2018. La premessa è che la “Brindisi Multiserbizi srl intende acquisire manifestazioni di interesse per la selezione di agenzie interinali interessate all’affidamento del servizio di somministrazione lavoro temporaneo per tre unità per un totale di 40 ore settimanali, al fine di promuovere la realizzazione di interventi finalizzati a potenziare, uniformare e qualificare il servizio di informazione e accoglienza turistica della città di Brindisi”.

Il termine

L’avviso pubblico, quindi, si è reso necessario allo scopo di individuare le agenzie interinali da invitare alla procedura negoziata. Il termine ultimo per l’invio della manifestazione di interessa è il prossimo 10 giugno. Tempi stretti, in considerazione dell’”urgenza di aggiudicare il servizio di imminente attivazione”. La scelta dell'amministratore unico arriva a distanza di poco rispetto alla disponibiità rispetto allo svolgimento del servizio di estrazione del biogas nella discarica, dopo la rottura del contratto tra il Comune e l'Ati titolare dell'appalto.

Le reazioni politiche

Gianluca Serra-4-2-2Il primo a commentare la decisione dell'amministratore unico di Multiservizi, è il capogruppo del Movimento 5Stelle, Gianluca Serra (nella foto accanto): "Continuiamo ad assistere a scelte che penalizzano gli ex dipendenti, a tempo determinato, che già avevano acquisito esperienza e professionalità nel settore", crive il consigliere comunale, già candidato sindaco di Brindisi. "Prendiamo, inoltre, atto che il “concorso” di selezione di ottobre 2018 (di cui attendiamo ancora gli esiti) sia incompleto e, al momento, sembri assolutamente inutile", prosegue.
"Tali sconfortanti considerazioni sono inevitabili poiché non sembra ci siano spazi per l’ampliamento della platea storica di Bms ma anche perché non si è proceduto a selezionare in tale sede tutte le figure professionali realmente necessarie. Purtroppo la questione è più ampia", sostiene Serra.
"Questa amministrazione inneggia alla internalizzazione dei servizi ed affida direttamente alla fondazione Teatro Verdi la gestione dei beni monumentali, ma contraddice se stessa quando taglia i servizi da affidare alla Multiservizi (come il servizio rimozione ad esempio) con conseguente loro prevedibile affidamento ai privati. La città ha diritto di comprendente che idea abbia la giunta Rossi sul futuro della società e dei suoi lavoratori, siano essi in platea storica ovvero siano cittadini che abbiamo concorso per essere assunti".
"È ormai irrinunciabile anche comprendere come Bms intenda, con meno risorse (vengono anche tagliati pesantemente i proventi dei parcheggi), onorare gli impegni che assumerà con il nuovo contratto di servizi e se riuscirà a garantire, a prezzo di mercato, i servizi che affidati (cura del verde pubblico in primis)". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Accoglienza turistica, Multiservizi cerca tre persone: 40 ore a settimana

BrindisiReport è in caricamento