rotate-mobile
Attualità

Padre e cane investiti e salvati, il figlio ringrazia le forze dell'ordine

L'episodio è avvenuto intorno alle 20.30 di mercoledì 10 novembre. Miracoloso intervento dei poliziotti della sezione Volanti e della Stradale che hanno portato in salvo il pastore Vega

BRINDISI - Riceviamo e pubblichiamo la lettera di ringraziamento di Raffaele Russo, per il lavoro svolto dalle forze dell'ordine che la sera del 10 novembre scorso, soccorsero sia suo padre, investito nei pressi del parco Cesare Braico di Brindisi che Vega, il cucciolo di pastore tedesco scappato impaurito sulla superstrada e recuperato dagli agenti della Volante. La lettera è indirizzata al questore di Brindisi e al comandante della polizia locale di Brindisi.


Sento il dovere di ringraziare gli agenti Schiavone Marialuisa e Semeraro Caterina del comando della polizia municipale di Brindisi, nonché quelli della volante e della polizia stradale, per il prezioso e impeccabile lavoro svolto nella serata di mercoledì 10 novembre 2021. Grazie al loro pronto ed efficace intervento, posso raccontare una storia fortunatamente a lieto fine, che mi rende orgoglioso di chi, ogni giorno, si mette a servizio degli altri e fa del suo dovere un bene prezioso per tutta la comunità. Rivolgo un ringraziamento particolare anche all’agente Franco, a cui va la mia gratitudine, e che dalla sala operativa ha egregiamente diretto e coordinato l’intervento delle unità impiegate manifestando enorme professionalità.

WhatsApp Image 2021-11-10 at 20.49.48 (1)-2

Le forze dell’ordine, intuita la necessità di intervenire con urgenza, in poco tempo hanno salvato la vita a Vega, il mio piccolo cucciolo di pastore tedesco. Vega, spaventato e sconvolto dall’incidente avvenuto lungo via Appia, dove mio padre, che lo teneva al guinzaglio, è stato improvvisamente investito da un’automobilista, è fuggito verso la Ss 379 ed ha iniziato impaurito a vagare, esponendosi ad un immenso pericolo. Ho potuto così apprezzare personalmente non solo l’alto livello di professionalità delle forze dell’ordine, ma anche e soprattutto il loro attaccamento alla divisa, il loro senso del dovere e del sacrificio, ma ancor di più il loro grande rispetto verso le esigenze dei cittadini.

Del resto ho sempre considerato le forze dell’ordine una struttura vitale, che svolge funzioni insostituibili ed oggi ne ho avuto un evidente riscontro. Il mio auspicio è quello che il loro esempio possa fungere da traino per l’intera comunità. Ringrazio l’automobilista che ha segnalato la presenza del cane sulla Ss379, e poi, tutti coloro che appresa la notizia sui social ne hanno dato immediata diffusione, prodigandosi per salvare la vita a Vega e dimostrando immensa solidarietà ma soprattutto un amore inestimabile per i nostri cari amici a quattro zampe.

Raffaele Russo

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Padre e cane investiti e salvati, il figlio ringrazia le forze dell'ordine

BrindisiReport è in caricamento