rotate-mobile
Domenica, 19 Maggio 2024
Attualità

Brindisi perde un pezzo della sua storia, è venuto a mancare Luigi Grassi

Un personaggio iconico per la storia brindisina, si è spento ieri sera (13 aprile) nella sua abitazione. A gennaio aveva festeggiato 100 anni

BRINDISI - Si è spento ieri sera (13 aprile), nella sua abitazione, il celebre brindisino Luigi Grassi: una figura storica per il teatro e la cinematografia pugliese. Lascia tre figli: Carmelo, Sandra e Maria Elena. 

Lo scorso mese di gennaio, aveva compiuto 100 anni ed era stato omaggiato dal sindaco Riccardo Rossi. 

Fotografie ormai storiche, nel passato, lo immortalavano accanto a mostri sacri del cinema come Alberto Sordi e Ugo Tognazzi. 

Ripercorriamo la sua storia

Nel 1919, suo padre Carmelo diede vita al primo Cinema Eden, nome poi cambiato in Impero a causa dell'avvento del regime fascista. 

Don Gigi, così chiamato in città, ereditò il lavoro di famiglia. Egli si innamorò del magico mondo dello spettacolo; nonostante la laurea in giurisprudenza, crebbe con l'idea di poter raccogliere i frutti seminati in passato, e di alimentarli con impegno, lavoro e competenza. 

Un episodio significativo testimonia il proprio attaccamento all'attività di famiglia: negli anni Quaranta, in piena guerra, con l'arrivo delle forze alleate, si barricò all'interno della vecchia struttura cinematografica - sita in Piazza Cairoli - per non consentire la requisizione delle apparecchiature. Non ce la fece a contrastare le pretese dei soldati, ma comunque al - termine del conflitto mondiale  - riuscì a recuperare il maltolto. 

Grassi iniziò autonomamente la sua attività nel maggio 1950, dopo la scomparsa del padre. Da quel momento in poi, percorse la strada che lo portò a diventare un punto di riferimento nell'Agenzia pubblica italiana per lo spettacolo.

E', inoltre, opportuno ricordare che dal 1979 al 1986 guidò l'agenzia nazionale degli esercenti dei cinema. Un anno prima di terminare l'incarico, diede vita ad un altro Cinema Eden, questa volta su Via Appia, con una capienza di 330 posti. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Brindisi perde un pezzo della sua storia, è venuto a mancare Luigi Grassi

BrindisiReport è in caricamento