Attualità

Fibromialgia, malattia cronica e invalidante: petizione popolare a Brindisi

Domani in Consiglio comunale parte la raccolta delle firme, promossa da Cfu Italia e sostenuta dall'Amministrazione

BRINDISI – Anche a Brindisi approda la raccolta di firme per riconoscere la fibromialgia come malattia cronica e invalidante. La petizione popolare, promossa da Cfu Italia è sostenuta dal Comune e domani, 31 dicembre 2019, avrà inizio domani contestualmente al ritorno in Aula dei consiglieri.

A dare l’annuncio dell’avvio della raccolta firme è stato il sindaco Riccardo Rossi, con un post sulla sua pagina Facebook. L’obiettivo della petizione è l’inserimento della fibromialgia nei livelli essenziali di assistenza, i cosiddetti Lea.

“Le persone affette da fibromialgia hanno come sintomo predominante il dolore diffuso in tutto il corpo e difficoltà a vivere una vita piena e indipendente”, ha ricordato il primo cittadino. “Il sistema sanitario nazionale italiano non prevede alcuna forma di riconoscimento, registrando così differenti sensibilità regionali”.

“ Il consiglio comunale fa un passo avanti e avvia la raccolta firme affinché anche la Regione Puglia possa distinguersi in questo per la garanzia dei diritti del malato”. Si può firmare a Palazzo di città, nell’ufficio del Consiglio comunale, dal lunedì al venerdì, dalle ore 9 sino alle 12.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fibromialgia, malattia cronica e invalidante: petizione popolare a Brindisi

BrindisiReport è in caricamento