rotate-mobile
Attualità

Brindisi piange Giampiero Pennetta, una vita tra politica e sociale

Si è spento all'età di 75 anni. E' stato, tra l'altro, presidente del Consiglio comunale negli anni del secondo mandato di Mennitti. Il suo nome è legato alla cooperativa Ferrante Aporti

BRINDISI - Si è spento oggi, venerdì 26 maggio 2023, all'età di 75 anni Giampiero Pennetta, volto molto noto a Brindisi, attivo in politica e nel sociale. Pennetta negli ultimi anni ha affrontato a testa alta alcuni problemi di salute. La città piange un suo cittadino illustre, che ha ricoperto anche la carica di presidente del Consiglio comunale durante la seconda avventura dell'ex sindaco Domenico Mennitti, dal 2009 al 2011. Un passato vicino alla Democrazia Cristiana, durante la Seconda Repubblica era tra le file del centro-destra: durante la Giunta di Mimmo Consales è stato consigliere comunale. Il suo nome, comunque, è legato all'ambito sociale, in particolar modo alla cooperativa Ferrante Aporti. Sulla sua bacheca Facebook sono in molti a esprimere il proprio cordoglio. 

I messaggi di cordoglio

Mimmo De Michele, assessore allo Sport della Giunta Mennitti, quando Pennetta era presidente del consiglio ha dedicato all'amico un ritratto affettuoso, riportato di seguito.

" A volte ricevi notizie che mai vorresti sentire, quelle telefonate che ti gelano il cuore. E tu, Giampiero mio, nonostante i suoi 'capricci', lo avevi davvero tanto grande il tuo cuore! Sei stato un grande uomo, un grande imprenditore, un grande politico (orgogliosamente nostalgico della Prima Repubblica), bravo e lungimirante, al quale tanta gente, tanti amici, devono esserti riconoscenti a vita, perché hai solo dispensato bene ed affetto. Ma tu per me, caro Giampi, come affettuosamente ti chiamavo, sei stato molto di più: indimenticabili i nostri discorsi politici, le nostre lunghe sedute di consiglio comunale. Quando arrivavi (spesso in ritardo) e mi dicevi 'avvoca'! Su sta delibera interveniamo?'. Oppure 'dove prenoto per pranzo?'. Avevi la capacità, in cinque minuti, di intervenire su qualsiasi argomento oggetto di deliberazione consiliare, perché eri un grande conoscitore non solo della materia economico-contabile, ma soprattutto dei veri problemi di questa città Quel sociale a cui hai dedicato gran parte della tua vita. Quanti consigli mi hai dato, quante discussioni abbiamo avuto anche quando ero assessore e tu presidente del Consiglio comunale. Quante telefonate, anche 15 giorni fa, quando ti dissi che eri un leone e che presto avremmo rifatto uno dei nostri bellissimi pranzi".

"La perdita di un amico nn è mai una cosa semplice ma perdere te caro Gianpiero è un dolore immenso per me. Siamo stati amici fraterni da una vita, abbiamo condiviso tante gioie e dolori successi e sconfitte abbiamo raggiunto tanti traguardi e abbiamo anche litigato molto come fanno tutti i fratelli che si vogliono bene . Caro Gianpiero mi mancherai tanto, caro amico mio vola in alto e da lassù sii sempre vicino alla tua famiglia, la tua adorata moglie e i tuoi splendidi figli. Ciao Giampiero". Scrive invece Raffaele Iaia, ex assessore comunale. 

"La scomparsa di Gianpiero Pennetta ha lasciato il mondo della politica brindisina e tutti noi  increduli. Un politico dalla passione straordinaria e capacità di visione, aperto al dialogo, al confronto senza mai abdicare a principi e valori irrinunciabili. Nato nella democrazia cristiana nella sinistra di base, sempre attivo politicamente, innamorato della città di Brindisi. Uomo della prima Repubblica  per molti anni consigliere comunale, assessore comunale e presidente del consiglio. Tra l'altro anche rivestito il ruolo di Presidente dell'Aci Automobil club Italia della Provincia di Brindisi. E stato presidente della Asl  e numerosi altri incarichi. La politica è stata la sua missione di vita. Esperto nella cooperazione e negli ultimi decenni ha sempre incentivato  occupazione di giovani sin dai giovani 285/77 passati nella Regione Puglia e tutte le cooperative sociali che per molti anni sono state il fiore all'occhiello della provincia di Brindisi ma anche fuori. Il  rapporto con noi tutti era tale da considerarlo parte della nostra  famiglia, in attesa di tempi migliori. Lo ricordo e lo ricordiamo tutti in questo tragico giorno  con dolore immenso". La direzione di Puglia Popolare​. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Brindisi piange Giampiero Pennetta, una vita tra politica e sociale

BrindisiReport è in caricamento