Brindisi. Sciame d'api al quartiere Paradiso, recuperato l'alveare

L'intervento è avvenuto intorno alle 16,30 di oggi con la collaborazione dei vigili del fuoco e di un apicoltore

BRINDISI - A primavera è tempo di formare nuove famiglie per le api. Con la regina in testa, si spostano a migliaia in cerca di un nuovo luogo dove sistemarsi per affrontare la bella stagione. E’ così che oggi, intorno alle 16.30, uno sciame di api ha sovrastato un'abitazione al quartiere Paradiso, in via Alfredo Panzini. E' stato necessario l'intervento dei vigili del fuoco che, con l'aiuto dell' autoscala e di un apicoltore, hanno risposto alla richiesta di aiuto dei residenti. Con l’attrezzatura adeguata l'apicoltore è intervenuto per raccogliere le api in un’arnia, estraendo l'ape regina e portando le api altrove.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz della Polizia contro la Scu: otto arresti fra Brindisi e Mesagne

  • Covid: 12 positivi dopo un ricevimento, chiuso un asilo nido

  • Maltempo nel Brindisino: danni e allagamenti, intervengono i vigili del fuoco

  • Incidente in campagna: padre con la motozappa travolge il figlio

  • Prima svolta, indagato il presunto killer di Eleonora e Daniele

  • Scu, estorsioni nelle campagne: “Un euro per ogni quintale di grano prodotto”

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BrindisiReport è in caricamento