Venerdì, 23 Luglio 2021
Attualità

Subito operativo il lettino elettrico donato al centro per la microcitemia

Oltre al lettino, l’associazione Thalassemici Brindisi ha regalato al centro dieci nuove aste porta flebo

BRINDISI - E’ stato consegnato questa mattina al centro per la microcitemia dell’ospedale Perrino di Brindisi il lettino elettrico donato dalla associazione Thalassemici Brindisi. A portarlo, una delegazione dell’associazione guidata dal presidente Luana De Gioia. Dono e donatori sono stati accolti dalla dottoressa Antonella Quarta, responsabile dell’unità operativa semplice microcitemia (questa la denominazione ospedaliera del centro). Il lettino, appena disimballato, è stato immediatamente utilizzato. Ad inaugurarlo proprio la professoressa Luana De Gioia che si è sottoposta al periodico prelievo di sangue.

Il lettino è regolabile, e pertanto consente un migliore adattamento alle esigenze posturali, inoltre, è dotato di imbottitura più morbida e, in ultima analisi, oltre ad agevolare il lavoro del personale sanitario, risulta più confortevole per il paziente. Verrà utilizzato per venire incontro alle esigenze dei pazienti, che necessitano, per sopravvivere, di quindicinali trasfusioni di sangue.  Attualmente sono in cura presso il centro 150 persone (fra le quali 14 minori) affetti, oltre che da talassemia anche da altre emoglobinopatie congenite: in pratica, da gravi forme di anemia, manifestatesi sin dalla nascita.

Oltre al lettino, l’associazione ha regalato al centro dieci nuove aste porta flebo. Si tratta di aste Gima, utilizzate per sostenere le sacche e le infusioni intravenose. Le aste sono costituite da due tubi in acciaio cromato, hanno una base in plastica nera e viaggiano su cinque ruote. Altezza: 165-210 centimetri. Costo. 354,80 euro. Anche in questo caso, come per il lettino (costato 500 euro) i fondi necessari all’acquisto sono stati ricavati da una autotassazione fra i soci della associazione.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Subito operativo il lettino elettrico donato al centro per la microcitemia

BrindisiReport è in caricamento