Biologi in piazza, guidati da un brindisino: “Un grande successo"

Marco Giaimis il promotore del sit in che lo scorso 12 ottobre si è svolto in piazza Montecitorio, a Roma

BRINDISI - Si è svolta lunedì, 12 ottobre la manifestazione dei biologi e dei futuri biologi presso la Piazza di Montecitorio a Roma. L’evento è stato di grande importanza, in quanto prima d’ora non era mai stata organizzata una manifestazione di tale calibro in questo settore; a fare da portavoce, da promotore e garante delle disposizioni governative il biologo senior brindisino, Marco Giaimis, che davanti a tutti i colleghi ha esposto le problematiche che il sistema istituzionale dovrebbe risolvere nel breve termine: blocco all’accesso per l’esame di stato di biologo senior a chi non proviene dalle tre classi di laurea triennale in: Biologia, Biotecnologie o Scienze e tecnologie per l’ambiente e la natura, come da D.M. 270/04 presente nella modulistica d’iscrizione dell’Ordine Nazionale dei Biologi; aumento delle assunzioni dei laureati triennali e magistrali con le rispettive abilitazioni professionali, sia nel settore privato ed in alcuni casi in quello pubblico; contratti dignitosi e regolari per i dottorandi di ricerca e per gli specializzandi di area sanitaria.

Tutto ciò genera una mancanza d’identità e un imbuto formativo che nessuna categoria professionale, allo stato attuale, possiede.  Giaimis ha inoltre chiesto l’intervento dei colleghi durante la manifestazione, coinvolgendoli sotto la pioggia, a dimostrazione che il Dottore brindisino ha fatto breccia, in pochi mesi, nei cuori dei “meravigliosi, immensi e grandi amici del settore biologico” come li definisce in qualsiasi momento, presenti anche nel “gruppo facebook dei biologi e dei biotecnologi” creato il 2 marzo del 2020 e che conta 9600 membri, in continua crescita. 

manifestazione biologi 2-2

“Questa è solo la prima manifestazione se non risolveranno nulla i cari esponenti istituzionali”, afferma il biologo, con la probabilità che ne organizzerà molte altre, grazie all’ausilio della Questura di Roma e dei suoi collaboratori. “Auspico un immediato intervento del Ministro dell’Università e della Ricerca, Gaetano Manfredi, del Ministro dell’Ambiente e della tutela del Territorio e del Mare, Sergio Costa e del Ministro della Salute, Roberto Speranza per arginare e sanare le ferite create alla categoria dei biologi a partire dal 1999, anno in cui è stata frammentata la laurea magistrale a ciclo unico in Biologia in tre classi di laurea triennale e sei classi di laurea magistrale, consentendo poi a tutti i laureati triennali in settori diversi di accedere alle lauree magistrali e all’esame di stato per divenire successivamente biologi senior. I biologi sono fondamentali per il sistema della ricerca, ambientale, socio-sanitario e nutrizionale e meritano di essere riconosciuti perché non sono dei fantasmi. Ai politici chiedo di rispettare la legge istitutiva della figura del biologo 396/67 e l’art.3 della Costituzione Italiana sui diritti d’uguaglianza”.  “La biologia è la Scienza che studia la vita in tutte le sue sfaccettature e i biologi onorano la vita aiutando essa a progredire, tutelando e preservando la salute di tutti gli organismi viventi; per tale motivo sono stati inquadrati come professione sanitaria grazie alla legge Lorenzin n. 3 del  2018” continua Giaimis.  “Ringrazierò sempre le colleghe biologhe (Microbiologhe) dello Spallanzani per aver isolato il Coronavirus consentendo a tutti gli scienziati del mondo di poterlo studiare, salvando milioni di vite. Siamo importanti, non dimenticatevi dei biologi!”, conclude il dottore.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico incidente sulla Brindisi-Bari, muore un motociclista brindisino

  • Nuovi contagi nelle scuole: positivi a Brindisi, Ostuni, Ceglie e Fasano

  • Un contributo a fondo perduto fino a 40mila euro per gli artigiani

  • Scontro alla zona industriale, giovane motociclista perde la vita

  • Altri 16 alunni positivi nel Brindisino: chiusa una scuola media

  • Migrante investito da un neopatentato: tragedia sulla provinciale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BrindisiReport è in caricamento