rotate-mobile
Mercoledì, 22 Maggio 2024
Attualità Fasano

Cabina elettrica accanto alla fontana storica, "una bruttura nel piccolo borgo"

Il sindaco di Fasano, Francesco Zaccaria, ha incontrato i vertici dell'azienda installatrice. Il tratto di strada che interessa la frazione di Cocolicchio, però, sarebbe di competenza del Comune di Locorotondo

COCOLICCHIO (frazione di FASANO) - Sta facendo discutere, in questi giorni, l’installazione di una cabina elettrica in contrada Cocolicchio, accanto alla storica fontana della frazione fasanese. Una scelta che, indubbiamente, si ripercuote sul paesaggio che contraddistingue il borgo. 

Secondo quanto comunicato dal Comune di Fasano, però, il tratto di strada interessato sarebbe di competenza del Comune di Locorotondo (nella Città Metropolitana di Bari). 

Proprio per affrontare l'incresciosa situazione, in mattinata (15 maggio), il sindaco di Fasano, Francesco Zaccaria, ha incontrato i vertici dell'azienda interessata, e che si occupa della fornitura energetica. L'intento è stato quello di risolvere la questione e cercare una soluzione che possa mitigare l’impatto della struttura sul territorio e renderla compatibile con il contesto paesaggistico di Cocolicchio. 

"L'azienda, nelle prossime ore, si è impegnata a presentarci soluzioni migliorative - dice il primo cittadino -  e ho chiesto di ricevere un rendering che possa darci contezza di come si presenterà l’opera ultimata. Ora aspettiamo le valutazioni dei progettisti della stessa azienda e attendiamo a breve aggiornamenti".

Terminato l’incontro, Zaccaria ha dialogato con i cittadini per aggiornarli sulla situazione e accogliere altri eventuali suggerimenti. "Continueremo a monitorare la situazione - afferma il sindaco - e non ci arrenderemo finché non avremo trovato una soluzione che riduca l’impatto di quello scempio, una bruttura che non possiamo tollerare nel piccolo gioiellino di Cocolicchio".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cabina elettrica accanto alla fontana storica, "una bruttura nel piccolo borgo"

BrindisiReport è in caricamento