Stagione crocieristica 2020: per Brindisi sette navi e 57 toccate

Oltre alla Msc Musica, si affaccia anche la AidaMira, di una compagnia tedesca controllata dal Gruppo Costa

La Msc Musica

BRINDISI – Sette navi per 57 toccate, dalla fine di aprile alla fine di ottobre: è questo il programma della stagione crocieristica 2020 che interesserà il porto di Brindisi, che resta di interesse per Msc Crociere, con la Msc Musica, mentre si affaccia anche il Gruppo Costa con la controllata tedesca Aida Cruises e l’unità AidaMira, già Costa NeoRiviera (foto sotto), la più piccola delle unità della flotta del colosso crocieristico italiano. Il calendario è stato ufficializzato dall’Autorità di Sistema portuale del Mare Adriatico meridionale.

Le altre compagnie che utilizzeranno maggiormente il porto di Brindisi saranno la anglo-tedesca Tui, con la Marella Celebration, e la Holland America Group con la già conosciuta Seaburn Odyssey, mentre saranno sporadiche le presenze della Club Med 2, della Berlin di Fti Cruses, della Silver Shadow di Silver Cruise. Si comincerà, come già detto, a fine aprile, con due toccate della Msc Musica il 20 e il 27, per la già nota settimana tra Venezia e Katacolon.

AidaMira-2

A maggio in porto Msc Musica, AidaMira, Marella Celebration, Seaburn Odyssey, Silver Shadow. Giorni più affollati, lunedì 11 con tre navi in porto (Msc Musica, AidaMira e Silver Shadow), e il 25 con Msc Musica e AidaMira. Le due stesse navi saranno in porto contemporaneamente anche lunedì 8 e 22 giugno, lunedì 6 luglio e lunedì 20 luglio quando si aggiungerà anche la Seaburn Odyssey.

Le due navi di Msc e del Gruppo Costa scaleranno Brindisi nella stessa giornata anche il 3, 17 e 31 agosto, sempre di lunedì, il 14 settembre con la berlin come terza nave in banchina, il 28 settembre. La Marella Celebration (foto sotto) effettuerà una tappa il 19 maggio, il 23 giugno, il 28 luglio, l’11 agosto, l’8 settembre, il 6 e il 27 ottobre, tutte di martedì, e il 24 ottobre di sabato, proveniente da Argostoli (Cefalonia) e diretta a Kotor (Cattaro, Montenegro).

La Marella Celebration-2

Brindisi sarà tappa per la Seaburn Odyssey (foto sotto) tra Lefkada e Dubrovnik, mentre nel caso della AidaMira, farà punto di sosta e visita in Puglia lungo la rotta tra Souda Bay (Creta), e Corfù. Rotta adriatica per Berlin, con Manfredonia come tappa precedente a quella di Brindisi, e rientro a Trieste, ma prima ancora anche Mediterraneo centrale e poi Adriatico tra La Valletta (Malta) e Sibenik in Croazia. La Club Med 2 sosterà a Brindisi tra Gallipoli e Mljet (Croazia), e tra Gallipoli e Parga.

Per quanto riguarda gli approdi, in attesa del completamento dell’iter di realizzazione dei nuovi accosti a Sant’Apollinare, con annesso parco archeologico urbano – sarà accessibile anche ai cittadini di Brindisi – bisognerà utilizzare ancora una volta sistemazioni provvisorie tra la Banchina Ex Carbonifera alla ex stazione marittima, e altri approdi nel porto interno per unità che potranno manovrare nel porto interno.

Seaburn Odysseys-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per le navi più grandi si vedrà (tra i progetti fermi c’è anche un tensostatico a Costa Morena Est). Brindisi se vuole conservare e coltivare meglio il suo fazzoletto nel campo crocieristico dovrà fare meglio sul piano degli iter delle opere portuali. Si spera che gli incontri inaugurati presso il Mise, e poi a seguire dal 10 marzo presso il Ministero dei Traporti, servano a sbloccare i percorsi e a superare i problemi di sinergie soprattutto tra Adsp e Comune.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lavori agricoli, arriva il sì dalla Regione: "attività indifferibili"

  • Paziente muore in ambulanza. Sgomberata Pneumologia

  • "Primo operatore 118 positivo, ora screening urgente per tutti"

  • Muore un imprenditore edile: prima vittima del Covid a Ostuni

  • Dopo le ultime notizie politica durissima con i vertici Asl Brindisi

  • Una brindisina in Olanda: "Viviamo col terrore del contagio. Il Lockdown è una fortuna"

Torna su
BrindisiReport è in caricamento