Attualità

Cambio di comando presso il Servizio coordinamento e controllo dell’Aeronautica militare

Alla presenza del comandante della Brigata Controllo Aerospazio, il tenente colonnello Orazio Graziano lascia il comando del Sccam di Brindisi al subentrante Tenente Colonnello Giuseppe Carratù

BRINDISI - Martedì 9 luglio, presso il Servizio coordinamento e controllo dell’Aeronautica militare (Sccam) di Brindisi, si è svolta la cerimonia di cambio comando tra il tenente colonnello Orazio Graziano, comandante uscente, e il tenente Colonnello Giuseppe Carratù, comandante subentrante.

La cerimonia è avvenuta alla presenza del comandante della Brigata Controllo Aerospazio (Bca) di Poggio Renatico – Ferrara, Generale di Brigata Glauco Luigi Mora, e del colonnello Alessandro D’Annibale, comandante del Reparto servizi coordinamento e controllo Am (Rsccam) di Ciampino - Roma.

Il tenente colonnello Graziano, durante il suo discorso di commiato, ha rivolto il suo sentito ringraziamento alle Superiori Autorità, al Direttore dell’Acc di Brindisi e a tutto il personale militare del Sccam, le cui straordinarie doti umane e professionali hanno permesso all’Ente di affrontare esuperare le innumerevoli sfide operative. Tra queste, significativa è stata senza dubbio la cessione, avvenuta il 18 giugno scorso, del settore Nord della Fir di Brindisi all’Acc di Roma, con il conseguenteimpegnativo programma di addestramento di tutto il personale Cta militare e civile di Brindisi. Cessione che ha evidenziando ancora una volta la straordinaria collaborazione e sinergia esistente tra l’Ente nazionale assistenza al volo (Enav) e l’Aeronautica Militare, attraverso la quale nello spazio aereo nazionale le esigenze di sviluppo commerciale dell’aviazione civile e quelle istituzionali di Sicurezza e Difesa convivono in perfetta simbiosi a vantaggio del sistema Paese. Concludendo, l’ufficiale ha rivolto il suo particolare in bocca al lupo al ten. col. Carratù per le sfide operative che dovrà affrontare durante il proprio mandato, prima tra tutte la completa trasformazione e rilocazione delle competenze operative del Sccam di Brindisi sul Rsccam di Ciampino.

Aeronautica Militare: la cerimonia per il passaggio di consegne presso lo Sccam

Il tenente colonnello Carratù, dopo aver ringraziato le Superiori autorità per la fiducia concessagli, ha espresso la volontà di affrontare il nuovo incarico con la stessa energia e la stessa dedizione del suo predecessore. Agli uomini e alle donne del Sccam di Brindisi, il nuovo comandante ha espresso il suo particolare apprezzamento, sicuro di mettersi alla guida di una squadra unita e professionale compostada elementi dall’elevata competenza tecnico-operativa ed estremamente motivati e coesi per ilraggiungimento delle importanti sfide che attendono il reparto nel prossimo futuro.

Il col. D’Annibale, comandante del Rsccam, nel suo discorso ha rivolto un lungo pensiero alla professionalità, abnegazione e spirito di sacrificio manifestati, durante il comando del ten. col. Graziano, dagli uomini e dalle donne del Sccam di Brindisi. Nonostante gli altissimi carichi operativi richiesti dall’attuale momento geopolitico, il concomitante scenario di progressiva riduzione della risorsa umana e della complessa gestione del gap generazionale e di competenze che interessa tutta la F.A., il “Sistema dei 4 Scc-Am”, ha superato con successo la delicatissima fase del Covid-19, l’ingente esodo di controllori militari nei ranghi di Enav, l’avvincente fase del centenario dell’Am, e da poche settimane, le prime fasi della summenzionata riorganizzazione dell’Atm militare, supportando ogni singolo giorno le esercitazioni, l’addestramento e le operazioni reali del traffico aereo operativo. 

Il generale Mora ha espresso al ten. col. Graziano il suo personale compiacimento per il periodo di comando appena concluso, sempre attento alle esigenze operative e a quelle del personale dipendente, conclusosi in bellezza con il vertice del G7, effettuato in maniera ampiamente positiva anche grazie all’operato attento, puntuale e determinante del Sccam di Brindisi. Continuando nel suo discorso, Il Generale Mora ha sottolineato quanto il personale a disposizione dei comandanti, sia “la prima risorsa su cui un Comandante può contare, in ogni circostanza”.

Al ten. col. Carratù, il gen. Mora al termine del suo intervento, ha espresso la personale fiducia per il delicato compito che lo aspetta, in primis la conclusione del programma di riorganizzazione dei Servizi di Navigazione Aerea nella Fir di Brindisii

I Servizi di Coordinamento e Controllo dell'Aeronautica Militare, co-ubicati per norma presso i collaterali Centri di Controllo d'Area Enav, sono deputati alla gestione del Traffico Aereo Operativo e dei relativi spaziaerei ad esso riservati, nonché alla raccolta e trasmissione agli Enti preposti delle informazioni necessarieper l'assolvimento del servizio di sorveglianza dello Spazio Aereo Nazionale. Nella fisionomia assuntadalla struttura nazionale dei Servizi di Navigazione Area, contraddistinta da un altissimo grado dicollaborazione civile-militare, presso i Sccam è impiegato personale militare qualificato controllore del traffico aereo, al massimo livello di abilitazione nazionale e in possesso di licenza comunitaria. I Servizidi Coordinamento e Controllo dell’Am, con sede a Ciampino, Brindisi, Milano Linate e Abano Termedipendono, per il tramite del Reparto Servizi Coordinamento e Controllo dell’Am, dalla Brigata ControlloAerospazio di Poggio Renatico.

Rimani aggiornato sulle notizie dalla tua provincia iscrivendoti al nostro canale whatsapp: clicca qui

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cambio di comando presso il Servizio coordinamento e controllo dell’Aeronautica militare
BrindisiReport è in caricamento