Camera di commercio Brindisi, si va verso l'accorpamento con Taranto

Il Ministro Stefano Patuanelli ha annunciato che entro la fine della prossima settimana procederà alla nomina del commissario straordinario

BRINDISI - Il Ministro Stefano Patuanelli (5 Stelle), nel corso dell’Aasemblea nazionale Unioncamere del 21 ottobre scorso, ha annunciato che entro la fine della prossima settimana procederà alla nomina del commissario straordinario della Camera di Commercio di Brindisi, atto propedeutico al definitivo accorpamento del nostro Ente con quello di Taranto.

"Una decisione che arriva dopo circa due mesi di intenso lavoro, che aveva come solo obiettivo quello di salvare un altro importante strumento per il rilancio economico della nostra provincia. Un lavoro svolto in sinergia anche con la Camera di Commercio di Taranto e con il coinvolgimento di tutto il gruppo dirigente della Camera di Commercio di Brindisi (che mi onoro di rappresentare), delle associazioni imprenditoriali, di diversi deputati e senatori e che ha visto il coinvolgimento anche di importanti esponenti politici nazionali (in particolare Lega, Forza Italia a Fratelli d’Italia)". Scrive Antonio D'Amore presidente della Camera di Commercio di Brindisi. 

Tony D'Amore

"Un lavoro che purtroppo non è bastato a rivendicare la nostra autonomia e l’importante ruolo che la Camera di Commercio svolge (ed avrebbe continuato a svolgere) sul territorio, soprattutto in questo ultimo difficile anno di emergenza economica e sanitaria. Una battaglia che sono stato orgoglioso di portare avanti, anche nel nome del mio compianto predecessore Dr. Malcarne".

"Una esperienza che, comunque, ha risvegliato in molti di noi un maggiore senso di appartenenza e la voglia di continuare insieme il difficile lavoro di rilancio del nostro territorio, con nuove intese tra le nostre associazioni, nuove sinergie e nuovi obiettivi comuni. Dopo questa scellerata decisione, infatti, il mio compito sarà quello di traghettare e rappresentare il nostro territorio, le sue imprese e tutte le nostre associazioni (da Confesercenti a Confindustria, da Confcooperative a Confagricoltura, nessuna esclusa) nella definizione dell’assetto politico e istituzionale della nuova Camera Commercio Br-Ta, per garantire che il nuovo Ente possa comunque lavorare e rappresentare le esigenze economiche ed occupazionali, fino a ieri tutelate dal lavoro delle singole Camere di Commercio oggi costrette ad un accorpamento privo di logica".

"Per gli antichi Romani la peggiore delle condanne non era la morte ma l’esilio in paesi lontani; ebbene, noi non intendiamo abbandonare questa terra e lavoreremo ancora con maggiore impegno affinché nessuno debba più lasciare questa Provincia in cerca di un “futuro diverso” e, tutti insieme, lavoreremo per garantire ai nostri figli un “futuro migliore”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Al mercato senza mascherina, "Il Dpcm non è legge": multata

  • Incendio durante il rifornimento: in fiamme il distributore Ip di Sant'Elia

  • Non torna a casa: trovato senza vita in auto in aperta campagna

  • Positivi e tamponi nel Brindisino: i dati nei Comuni. Trend in crescita

  • Diffonde immagini intime di una donna: arrestato per revenge porn

  • Covid, Puglia: la curva non si abbassa, 32 nuovi decessi

Torna su
BrindisiReport è in caricamento