menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Deiezioni canine, multe fino a 500 euro per i proprietari incivili

L'ordinanza del sindaco Angelo Palmisano mira a sanzionare, anche, chi malgoverna il proprio animale domestico

CEGLIE MESSAPICA - Padroni dei cani maleducati e scatta l’ordinanza nel Comune di Ceglie Messapica contro le deiezioni canine abbandonate e, anche, contro chi malgoverna il proprio animale domestico. Il sindaco Angelo Palmisano ha preso questa decisione a fronte di inconvenienti igienico-sanitari derivanti dalle deiezioni lasciate lungo le strade, i giardini pubblici e le piazze della città e per l’incolumità pubblica se il cane può rappresentare un rischio. Per questo, nell’ordinanza viene obbligato il proprietario a portare con sé una museruola oltre a condurre il cane con l’ausilio di un guinzaglio nei luoghi pubblici.

Da qui la decisione di sanzionare chi non rispetta le regole con multe che vanno da un minimo di 100 ad un massimo di 500 euro. L’ordinanza si è resa necessaria, come specifica il testo, dopo numerose rimostranze e reclami da parte dei cittadini per la presenza di deiezioni lungo i marciapiedi e le strade e nel centro storico, in particolare. In molti casi, infatti, i cani vengono lasciati liberamente e sarà compito della Polizia locale controllare per verificare che tutti abbiano l’occorrente, compreso il microchip al cane per l’identificazione all’anagrafe regionale, proprio per evitare inconvenienti poco piacevoli.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

San Donaci, compie 100 anni: auguri a nonna Giovanna

Attualità

"Me contro te" di Gianluca Leuzzi candidato al David di Donatello

social

Sant'Antonio Abate, il Santo del fuoco tra storia e tradizione

Ultime di Oggi
  • Emergenza Covid-19

    Covid, Puglia: nuovo aumento dei contagi e dei decessi

  • Attualità

    Di Rocco: "Così abbiamo riorganizzato la biblioteca in piena pandemia"

  • Economia

    Porto: "Un commissario straordinario per sbloccare le infrastrutture"

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento