Sabato, 25 Settembre 2021
Attualità Ceglie Messapica

Autismo, l'appello delle mamme ai commercianti per una "mano blu"

L'iniziativa, promossa dalla signora Rossella Franco, mamma di Simone, è stata accolta dalla Pro Loco e amministrazione comunale

CEGLIE MESSAPICA - Ceglie Messapica si colora di blu per accorciare le distanze dalla diversità e sensibilizzare la popolazione alla realtà delle famiglie che vivono con figli affetti da autismo, con l'iniziativa "La mano blu" presentata dall'amministrazione comunale in collaborazione con la locale pro loco. L'idea nasce da Rossella Franco, mamma di Simone, bimbo affetto da autismo e da un gruppo di mamme blu, sulla scia dell’iniziativa di alcune mamme di Avellino. “I nostri figli – spiega Rossella- molto spesso non tollerano le attese, i forti rumori e le luci forti. Così come spesso i bambini affetti da spettro autistico tendono a toccare tutto e tutti. Attraverso questo progetto vorremmo far capire alle persone che per noi frequentare le attività commerciali, anche il semplice fare la spesa, è abbastanza difficile. Con un po’ di comprensione e un po’ di pazienza, potremmo però far vivere ai bimbi e alle loro famiglie una vita più serena”.

Una manina del colore blu, quindi, potrà essere appesa in tutte le attività commerciali di Ceglie Messapica. Blu per richiamare il senso di “sicurezza” e il bisogno di “conoscenza” di una sindrome, molto spesso poco conosciuta, che interessa però tanti bimbi e ragazzi. Una manina blu che sia un lasciapassare per tutti i genitori con bimbi o ragazzi affetti dallo spettro autistico. Aderire all’iniziativa è semplice. Basterà apporre nella propria attività commerciale una locandina e una manina blu. La manina blu darà alle famiglie con bimbi o ragazzi disabili la priorità di essere serviti. Un atto di amore, gentilezza e senso civico che permetterà alle famiglie e ai ragazzi di non sentirsi fuori luogo.

“Pro Loco non è solo turismo, promozione del territorio e delle bellezze architettoniche o dei prodotti tipici. - commenta la presidente Cristina Elia– Pro Loco è anche fare qualcosa per la città e per i cittadini. Proprio per questo abbiamo accolto, assieme all’ amministrazione comunale, a braccia aperte questo nuovo progetto. Grazie alle “manine blu” potremo conoscere e riconoscere bambini affetti da autismo e permette loro di vivere ogni momento della quotidianità, all’interno delle attività commerciali, in maniera tranquilla. La manina blu è un messaggio di cortesia, attenzione e gentilezza nei confronti di queste famiglie ma soprattutto dei bambini."

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Autismo, l'appello delle mamme ai commercianti per una "mano blu"

BrindisiReport è in caricamento