Sabato, 12 Giugno 2021
Attualità

Famiglia dona strumenti musicali a un'associazione: nasce "sala Ceruti"

Gli strumenti e l'attrezzatura di Orlando Ceruti, musicista scomparso nel 2019, a disposizione dei ragazzi di "Casarmonica"

CEGLIE MESSAPICA - Non è solo un'operazione sociale e culturale ma, soprattutto, tenere viva la passione per la musica che per tanti anni ha fatto parte della sua vita, fin da bambino: così c'è una "vita" anche dopo la "morte" per gli strumenti musicali e tutta l'attrezzattura che la famiglia di Orlando Ceruti ha voluto donare all'associazione musicale e culturale "Casarmonica" di Ceglie Messapica presieduta dal musicista e compositore Mirko Lodedo, a servizio dei ragazzi.

DIOSCURI-2

Un compagno di musica, come lo ha chiamato il maestro Lodedo, scomparso nel settembre 2019. Bassista autodidatta, Orlando Ceruti ha fatto parte, a metà degli anni '60, del complesso "Dioscuri", insieme a Sandro Semeraro, Uccio Biondi e i fratelli Mimmo e Angelo Gianfreda. A 11 anni, come appreso dai suoi amici di musica, imbraccia la sua prima chiatarra Eco. Compositore e autore, nel 1962 vince l'edizione del festiva "Voci nuove" di Francavilla Fontana con un brano scritto da lui. Qualche anno dopo la nuova chiatarra acustica diventa il basso che l'accompagnerà nei concerti in tutto Salento insieme ai "Dioscuri", la piccola band che regalava in quegli anni momenti di allegria e spensieratezza con la musica Beat, fino a quando non presero piede forme più sofisticate di rock.

MIRKO LODEDO-2

"Come nelle storie più belle - spiega Mirko Lodedo - i sostegni umani sono quelli che ti nutrono di più e ti suggeriscono che sei sulla buona strada. Da oggi la sala prove della nostra associazione porterà il nome di "Sala Ceruti" e non possiamo che ringraziare, infinitamente, Michela e mamma Grazia Ceruti. Questa donazione arriva in un momento importante per la nostra associazione che, in partenariato con il Comune di Ceglie Messapica, ha superato il primo step dell'avviso pubblico "Fermenti in Comune" con il progetto "Retroscena". Casarmonica ha fatto avvicinare in questi anni tanti giovani al mondo delle arti, della musica, dello spettacolo partendo dal basso, con pochi strumenti ma con grandi menti cretive. Siamo cresciuti tantissimo e molti dei nostri progetti sono stati finalizzati ad accogliere quelle fasce giovanili in cui c'è povertà educativa e condizioni di marginalità. E tutti gli strumenti musicali di Orlando Ceruti serviranno a dare una ulteriore opportunità di crescita per il territorio e questi ragazzi ai quali racconteremo dell'amore di Orlando per la musica". 
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Famiglia dona strumenti musicali a un'associazione: nasce "sala Ceruti"

BrindisiReport è in caricamento