La Marina ricorda i dispersi in mare: mercoledì la commemorazione

La giornata della Memoria dei marinai scomparsi in mare verrà celebrata presso il Monumento al marinaio

BRINDISI - Mercoledì 9 settembre, dalle ore 11.00, la Marina Militare celebrerà a Brindisi la “Giornata della Memoria dei marinai scomparsi in mare” a perenne ricordo del sacrificio dei marinai, militari e civili, deceduti e sepolti in mare.

La commemorazione, giunta al 77° anniversario, si svolgerà presso il monumento nazionale al “Marinaio d’Italia”, eretto nel 1933 per iniziativa della Lega Navale Italiana. Il monumento andava a suggellare il conferimento dell'onorificenza della Croce di guerra alla città pugliese, nel 1919, su proposta del Capo di Stato Maggiore della Marina, ammiraglio Thaon di Revel. Brindisi venne infatti prescelta per l’importante ruolo di base navale del Basso Adriatico della Regia Marina durante il Primo Conflitto Mondiale.

Data importante e carica di significato storico, il 9 settembre è l’anniversario dell’affondamento della corazzata Roma, dei cacciatorpediniere Vivaldi e Da Noli e degli oltre 1700 marinai periti in quei tragici eventi bellici.

La cerimonia si svolgerà alla presenza degli onorevoli Giulio Calvisi e Angelo Tofalo, Sottosegretari di Stato alla Difesa, del Capo di Stato Maggiore della Marina Militare, ammiraglio di squadra Giuseppe Cavo Dragone, e del Comandante Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto – Guardia Costiera, l'ammiraglio ispettore Giovanni Pettorino, oltre a numerose autorità civili e militari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incendio durante il rifornimento: in fiamme il distributore Ip di Sant'Elia

  • Non torna a casa: trovato senza vita in auto in aperta campagna

  • Positivi e tamponi nel Brindisino: i dati nei Comuni. Trend in crescita

  • Diffonde immagini intime di una donna: arrestato per revenge porn

  • Covid, Puglia: la curva non si abbassa, 32 nuovi decessi

  • Furti in casa mentre i proprietari dormono, paura nelle campagne

Torna su
BrindisiReport è in caricamento