Attualità

Cellino, guerra agli inquinatori: fototrappole in azione nel centro abitato

Da quasi tre mesi due dispositivi, installati nel centro abitato, stanno scovando gli inquinatori seriali. Al momento sono circa 40 gli episodi rilevati e 25 i verbali già notificati

CELLINO SAN MARCO - Fototrappole in azione anche a Cellino San Marco: da quasi tre mesi due dispositivi, installati nel centro abitato, stanno scovando gli inquinatori seriali. Al momento sono circa 40 gli episodi rilevati e 25 i verbali già notificati. Le multe vanno da un minino di 30 a un massimo di 500 euro. 

Il servizio, fortemente voluto dall’amministrazione comunale e finanziato con fondi dell’ente, è affidato alla ditta Elettrosecurity e gestito dal comando della Polizia locale, coordinato dal commissario Luana Casalini. Tolleranza zero, fanno sapere gli organi di controllo, davanti a un problema che sembra non avere fine. Ci sono alcune zone del paese, infatti, che, nonostante la presenza della fototrappola e la notifica delle sanzioni, vengono continuamente prese di mira dagli inquinatori. 

Le discariche a cielo aperto continuano a spuntare come funghi, con grave danno per l’ambiente e la salute pubblica. Anche a Cellino San Marco, così come in quasi tutti i comuni ormai, il ritiro dei rifiuti avviene a domicilio secondo un calendario prestabilito. Nonostante questo gli incivili continuano a deturpare il territorio con abbandoni di ogni genere di materiale. 

Il  24 novembre scorso è stata emessa l’ordinanza sindacale numero 26 che vieta l’abbandono dei rifiuti su tutto il territorio comunale, campagne e strade provinciali di competenza comprese. 

Sanzioni da 30 a 500 euro 

Le multe variano a seconda della tipologia di abbandono. Il “Conferimento dei rifiuti prodotti da utenze domestiche nei cassonetti delle utenze non domestiche”, il "Conferimento dei rifiuti all’esterno dei contenitori stradali e dei cassonetti pubblici”, “l’abbandono su suolo pubblico di rifiuti differenziati e indifferenziati”, “l’abbandono su suolo pubblico di sfalci d’erba e potature”, e “l’abbandono su suolo pubblico di mascherine, guanti e rifiuti similari”  prevedono una sezione di 100 euro. 

“L’abbandono su suolo pubblico di rifiuti inerti e ingombranti, prevede una sezione di 300 euro. “LAbbandono su suolo pubblico di rifiuti pericolosi”, di 500. Trenta euro di sanzione, infine, per “L’Abbandono su suolo pubblico di mozziconi di sigarette e/o pacchetti di sigarette, siringhe”. 

Dai primi di dicembre scorso, inoltre, sono state attivate le fototrappole. Tutti i trasgressori sono stati e verranno individuati. Il comando della Polizia locale, infatti, ha disposto una minuziosa attività di controllo finalizzata all’identificazione. Viene dato un nome e un volto anche ai trasgressori che si muovono a piedi o in bicicletta (senza, quindi, una targa di riferimento). Al momento sono al vaglio decine di posizioni. Tutti gli inquinatoti immortalati dalle fototrappole riceveranno la multa.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cellino, guerra agli inquinatori: fototrappole in azione nel centro abitato

BrindisiReport è in caricamento