rotate-mobile
Martedì, 30 Maggio 2023
Attualità

Chiusura Punti di primo intervento, Asl: "Provvedimento temporaneo. Assistenza garantita"

La carenza di personale impiegato nel servizio 118 ha indotto la direzione generale della Asl di Brindisi a riorganizzare la rete dell’emergenza-urgenza

BRINDISI - Riceviamo e pubblichiamo una nota della Asl di Brindisi sulla decisione di chiudere i Punti di primo intervento di Cisternino e San Pietro Vernotico (che resta aperto solo di notte e nei festivi) legato alla carenza dei medici del 118. All'appello mancano 32 unità. 

La carenza di personale impiegato nel servizio 118 ha indotto la direzione generale della Asl di Brindisi a riorganizzare la rete dell’emergenza-urgenza, come comunicato ai rappresentanti delle istituzioni nei giorni scorsi. 

La rimodulazione, che riguarda in particolare i Punti di primo intervento di Cisternino e San Pietro Vernotico, è un provvedimento temporaneo e sarà revocato non appena si riuscirà a reclutare personale per sopperire alla carenza di medici. In ogni caso, il servizio dell’emergenza e la presa in carico dei pazienti verranno comunque garantiti.

La mancanza di operatori sanitari, come è noto, riguarda tutto il Paese e si è acuita durante la pandemia da Covid-19: questa rimodulazione consente di coniugare la continuità assistenziale con le ridotte risorse in campo. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Chiusura Punti di primo intervento, Asl: "Provvedimento temporaneo. Assistenza garantita"

BrindisiReport è in caricamento