menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Fasano: chiusura scuole prolungata fino al 6 aprile

Il sindaco Zaccaria: "Le restrizioni adottate con largo anticipo stanno producendo i primi effetti, ma non bisogna abbassare la guardia proprio ora”

FASANO - La chiusura delle scuole è stata prolungata fino al 6 aprile, ma le restrizioni adottate stanno producendo effetti: il numero dei contagi non è in aumento e oltre 2mila vaccinazioni sono già state effettuate.
I casi di Covid-19 a Fasano si attestano sugli stessi dati degli ultimi giorni. Secondo le autorità sono al momento 282.

«Le misure adottate due settimane, fa con largo anticipo rispetto alle decisioni prese in queste ore in altre province, stanno iniziando a dare frutti – dice il sindaco Francesco Zaccaria –, ma questo non deve autorizzarci ad abbassare la guardia, al contrario è importante continuare a fare sforzi collettivi per evitare che la curva torni a salire».

Di qui la decisione, in accordo con i dirigenti scolastici, di prolungare l’ordinanza di chiusura delle scuole fino al 6 aprile incluso. Tutti gli studenti degli istituti di Fasano continueranno a essere in DAD, anche i ragazzi con bisogni educativi speciali. Restano chiusi anche tutti i servizi educativi di gestione pubblica e privata (come ad esempio ludoteche e babyparking).

«Mi rendo conto che sto chiedendo alle famiglie e ai ragazzi ancora un grande sacrificio – continua Zaccaria –, soprattutto agli studenti diversamente abili, ma è mio dovere tutelare la salute di tutti, innanzitutto dei più fragili».

Il primo cittadino ricorda le nuove prescrizioni in vigore su tutto il territorio regionale, in seguito all’ordinanza emanata ieri dal governatore Emiliano. Innanzitutto il divieto di stazionare con persone non conviventi o non appartenenti al proprio nucleo familiare (di qualsiasi età) nei pressi degli istituti scolastici, nelle piazze, nelle pubbliche vie, lungomare e belvedere, se non per usufruire di servizi essenziali.
A Fasano inoltre continua a vigere la chiusura di 24 strade del territorio dalle 18 alle 5, con possibilità di transito per i residenti.
Inoltre, in base alla nuova ordinanza regionale, fermo restando dopo le ore 18.00 il divieto di consumo di cibi e bevande nei luoghi pubblici e aperti al pubblico, in tutti i giorni festivi e prefestivi, dopo le ore 18, è comunque vietato l’asporto di bevande da distributori automatici o da qualsiasi esercizio. Dalle 18, inoltre, perdura il divieto di asporto dai bar.

"Abbiamo introdotto, inoltre, il divieto di consumazione di alcolici e superalcolici su pubblica via dalle ore 5 alle ore 22. Fatta eccezione per il servizio di consumazione al tavolo consentito fino alle 18», spiega il sindaco.  Alla vigilia del weekend, Zaccaria esorta a essere prudenti e a rispettare tutte le norme «anche alla luce di queste nuove prescrizioni regionali che impongono il divieto di assembramento in qualsiasi luogo e in qualsiasi momento della giornata. Non dimenticate le regole fondamentali: indossare sempre la mascherina su naso e bocca, distanziamento fisico e igienizzazione frequente delle mani". 

Il sindaco ricorda che già domani potrebbe arrivare un nuovo DPCM del Governo con nuove restrizioni che riguarderanno tutta la penisola: «ma abbiamo la responsabilità di agire con coscienza a prescindere da ogni eventuale ulteriore divieto: lo dobbiamo a noi stessi e al rispetto della salute di tutti, a partire dai nostri cari. Solo adottando comportamenti coscienziosi potremo aiutare la campagna vaccinale ad accelerare la battaglia nella sconfitta del virus».

Attualmente sono 2072 i fasanesi che hanno almeno una dose del vaccino e 632 i cittadini che hanno completato il ciclo di inoculazione. "Fasano ha il privilegio di avere l’hub vaccinale più grande di Puglia – conclude il sindaco –. Stiamo correndo il più possibile per fare presto e vaccinare tutta la popolazione. Cerchiamo di fare in fretta, ma per aiutare i medici e tutto il personale a correre ancora più velocemente dobbiamo agire con attenzione. Non è il momento di indietreggiare rispetto al nostro dovere".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lutto per l'arcivescovo Satriano, è deceduta la mamma Giovanna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento