Cia Puglia: "Xylella, soddisfatti per i cinque milioni destinati ad azioni sperimentali"

La confederazione degli agricoltori: "Dalla Piana degli ulivi monumentali cominci il rilancio del settore olivicolo"

BRINDISI – “I 5 milioni di euro che il ministro Teresa Bellanova ha trasferito alla regione Puglia, per le prime azioni sperimentali anti-Xylella nella Piana degli ulivi monumentali sono un segno concreto sul piano di rigenerazione olivicola della Puglia. Un plauso a Teresa Bellanova, con l’auspicio che le azioni partano al più presto e che il fondo sia presto ampliato per programmare già risorse e azioni anche oltre il 2021. E’ quello che Cia Agricoltori italiani della Puglia ha sempre chiesto”. E’ Giannicola D’Amico (nella foto sotto), vicepresidente di Cia Puglia, a esprimere la propria soddisfazione per il decreto col quale si avvia un percorso nuovo di tutela e rigenerazione nella Piana degli ulivi monumentali. La dotazione del provvedimento è di 5 milioni di euro: 1 milione di euro per il 2020 e 4 milioni di euro per il 2021, con l’obiettivo è impedire l'avanzata della Xylella fastidiosa nei territori dove l'ulivo rappresenta una presenza storica, partendo dalla bellissima Piana degli Ulivi. Il provvedimento stabilisce criteri e modalità di concessione dei contributi in favore dei proprietari, detentori o possessori di terreni in cui ricadono olivi monumentali censiti, che si impegnano ad attuare gli interventi necessari a bloccare l'avanzata della fitopatia.

Giannicola D'Amico-5

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“La concertazione tra Regione Puglia e organizzazioni agricole ha avuto un ruolo importante per il conseguimento di questo primo risultato al quale va data immediata applicabilità e a cui dovranno seguire per gli anni a venire una ulteriore dotazione di risorse e la programmazione di nuove azioni sui sovrainnesti. La Piana degli ulivi monumentali è un luogo dall’enorme valore simbolico, culturale, storico e paesaggistico per tutta la Puglia”, ha aggiunto D’Amico. “Sulla Xylella ormai bisogna attuare gli strumenti e i fondi ottenuti in anni di battaglie, per ridisegnare il futuro economico e produttivo delle province ormai compromesse, con i reimpianti, anche con specie diverse dall’olivo, e i sovrainnesti, questi ultimi proprio per salvare la Piana degli ulivi monumentali, destinando gli indennizzi che si attendono da anni e che sono in dirittura di arrivo, e con una più incisiva azione di prevenzione attraverso il monitoraggio, le eradicazioni e l’attuazione delle buone pratiche agricole. Vanno destinate risorse maggiori per tutte le azioni innanzi indicate, e vanno sostenuti gli agricoltori che non riescono più a sostenere, senza una fonte di reddito certa, gli ingenti costi per attuare le buone pratiche agricole e le azioni di prevenzione fitosanitaria. Come vanno ulteriormente implementate la ricerca e la sperimentazione per poter attenuare l’avanzata del batterio, avendo sempre come riferimento la scienza”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rapinatori armati di mazza nel centro commerciale Le Colonne: caos tra gli avventori

  • Nuovi contagi nelle scuole: positivi a Brindisi, Ostuni, Ceglie e Fasano

  • Coronavirus: nuovo picco in Puglia, contagi in aumento a Brindisi

  • Positivi al covid andavano a lavorare in campagna: denunciati

  • Bambino positivo al Covid: lo sfogo della zia, contro ignoranza e maldicenze

  • Coronavirus, escalation di ricoveri. Nel Brindisino continuano ad aumentare i positivi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BrindisiReport è in caricamento