Attualità

Il "Circolo della Vela" ricorda due velisti scomparsi

Il presidente Fabrizio Maltinti saluta Edo Ziccarelli ed Ernesto Tross: "Li rimpiangeremo e li ricorderemo con affetto"

White Bear

BRINDISI - Il Circolo vela di Brindisi, con una nota del presidente Fabrizio Maltinti, ricorda due velisti scomparsi di recente. "Questo mese di novembre non è stato un gran mese per noi velisti - si legge nella nota - In pochi giorni, infatti, abbiamo perso due grandi rappresentanti della vela d’altura e della cultura del mare. Mi riferisco al pesarese Edo Ziccarelli (foto sotto), venuto a mancare sabato 14 e a Ernesto Tross (seconda foto in basso), tedesco di nascita, ma romano di adozione, venuto a mancare giovedì 19, all’età di 88 anni"

EDO ZICCARELLI-3.

"Edo - prosegue la nota - era un caro amico del nostro Circolo e assiduo frequentatore della Regata Internazionale Brindisi-Corfù, alla quale, tra il 2003 ed il 2018, con il suo Moonshine, ha partecipato ben 15 volte, vincendola nel 2003 e nel 2014. Ernesto Tross era uno scrittore, velista, progettista e auto-costruttore famoso nel mondo, che, con le sue innovative imbarcazioni a vela aveva solcato i mari del mondo. Delle barche da lui progettate, due, in particolare, rivoluzionarie, hanno costituito un unicum nel mondo della vela; mi riferisco al The Grey Bear (L’Orso Grigio)  e al The White Bear (L’Orso Bianco) che, tra l’altro, ha fatto spesso tappa nel nostro Porticciolo al Marina di Brindisi"

ERNESTO TROSS-2

"Due barche innovative - continua il presidente Maltinti - peraltro molto criticate dai puristi dell’estetica, perché, all’estetica, appunto, aveva preferito la sicurezza. Tross, infatti, nella sua lunga vita di marinaio era scampato ad alcuni naufragi e la sola filosofia che aveva guidato i suoi progetti era la sicurezza nella navigazione. Infatti, l’Orso Bianco, ad esempio, si caratterizza per essere completamente realizzato in lega di alluminio; avere la coperta piatta flush-deck; l’eliminazione della randa e del boma; lo scafo a spigolo ed a fondo piatto, con deriva in legno a scorrimento verticale; il timone esterno; il portellone sullo specchio di poppa per uscita di sicurezza in caso di ribaltamento e la scaletta poppiera accessibile da uomo a mare. Che dire. Il mondo della vela vi rimpiangerà certamente e vi ricorderà con affetto.  Buon vento".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il "Circolo della Vela" ricorda due velisti scomparsi

BrindisiReport è in caricamento