menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cittadini virtuosi in azione: ripulito il parco del Cillarese

Riempiti 15 sacchi. Domani altri volontari si sono dati appuntamento sul litorale sulla spiaggia di Acque Chiare

BRINDISI – Per fortuna oltre ai cittadini incivili che abbandonano rifiuti per strada, nelle campagne e nei parchi ci sono coloro che si rimboccano le maniche per un ambiente più pulito. Nella mattinata di oggi, sabato 18 gennaio, un gruppo di persone tra semplici cittadini, attivisti del Movimento 5 Stelle e percettori del Reddito di cittadinanza, hanno tirato a lucido il Parco del Cillarese. Sono stati riempiti circa 15 sacchi. Purtroppo è stato trovato di tutto, segno che molti frequentatori del parco non hanno alcun rispetto per i luoghi pubblici.

“Non vogliamo sostituirci a chi spetta il compito della pulizia del parco ma semplicemente sensibilizzare i cittadini come noi ad averne più rispetto – spiegano gli organizzatori – abbiamo trovato di tutto, anche se gli addetti ai lavori puliscono regolarmente c’è sempre chi sporca più del dovuto”.

Un gruppo di questi cittadini domani si unirà ai volontari dell’associazione “Puliamo il mare di Brindisi” che si effettuerà una raccolta di rifiuti sulla spiaggia in località Acque Chiare, precisamente di fronte la Strada per Sbitri angolo Via di Torre Testa. Appuntamento alle 8.30.

“Facciamo un regalo alla nostra città e al nostro mare, con una bella pulizia spiaggia per poter raggiungere i 1500 sacchi. Munirsi di guanti antitaglio. Per il resto del materiale avremo il sostegno di Ecotecnica e Bms”. Scrivono gli organizzatori di questa iniziativa che per tutto il 2019 a cadenza regolare hanno effettuato altri interventi simili sul litorale. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Puglia. Wedding: regole sanitarie e "covid manager" per ripartire

Attualità

Il razzo spaziale cinese cade vicino alle Maldive: Puglia "risparmiata"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento