Sabato, 12 Giugno 2021
Attualità

Qualità della vita 2020: Brindisi, 88esima, perde un altro posto

La 31esima edizione dell'indagine del Sole 24 ore. La provincia di Brindisi quinta per denunce di violenza sessuale ogni 1000 abitanti

Da 87esima a 88esima. La provincia di Brindisi perde una posizione nella classifica 2020 della qualità della vita realizzata dal Sole 24 ore. La 31esima edizione dell’indagine sul benessere dei territori è partita da un interrogativo: tra contagi, decessi, crisi economiche, lockdown e quarantene come si misura la qualità della vita? Nel raccontare l’impatto della pandemia sulle province, il quotidiano ha analizzato 90 indicatori, per la maggior parte (circa 60) aggiornati al 2020 in base agli ultimi dati disponibili. 

L'indagine completa con tutte le classifiche

La provincia di Brindisi fa registrare un poco lusinghiero quinto posto nella graduatoria delle denunce di violenza sessuale ogni mille abitanti. Colpisce anche l’ottavo posto del territorio nella classifica sul consumo di calmanti e sonniferi. Per quanto riguarda i casi di Covid ogni 100 abitanti, la provincia di Brindisi, al nono posto con un valore di 9,6, è fra quelle in cui se ne registrano meno. In testa ci sono i "cugini" leccesi, con un valore di 5,1. 

L’impostazione della ricerca conferma le sei aree tematiche di analisi che fotografano la complessità della vita nelle province italiane: 1. Ricchezza e consumi; 2. Demografia e salute; 3. Affari e lavoro; 4. Ambiente e servizi; 5. Giustizia e sicurezza; 6. Cultura e tempo libero. Con una scelta di campo importante: all’interno di queste aree sono stati inseriti 25 indicatori che documentano le principali conseguenze del Covid-19 su salute, attività economiche e vita sociale. Tra questi nuovi parametri, ad esempio, ci sono i casi Covid in rapporto alla popolazione, l’unico indice il cui punteggio è stato pesato maggiormente nella determinazione della classifica finale proprio per testimoniare l’eccezionalità di questi mesi sulla vita quotidiana di tutti gli italiani.

Come di consueto i territori del Sud occupano le ultime posizioni della graduatoria. Per quanto riguarda la Puglia, la provincia massa meglio è quella di Bari (72), che comunque ha perso cinque posizioni rispetto al 2019. Segue la provincia di Lecce (83, -1). Poi c’è appunto Brindisi (88), che precede Taranto (96), Bat (97) e Foggia (100). Fanalino di coda Vibo Valentia, 104esima. Penultima Enna. Terzultima Catanzaro. In vetta Bologna, al primo posto, che guadagna ben 13 posizioni e traina un po’ tutte le province dell’Emilia Romagna. Ben cinque su nove si incontrano tra le prime venti: oltre al capoluogo, Parma (8ª), Forlì Cesena (14ª), Modena (15ª) e Reggio Emilia (17ª). Al secondo e al terzo posto si piazzano rispettivamente Bolzano e Trento. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Qualità della vita 2020: Brindisi, 88esima, perde un altro posto

BrindisiReport è in caricamento