Attualità

Il Cav. Giuseppe Pinto, istituzione dei Vigili del fuoco, spegne 96 candeline

Memoria storica del comando provinciale di Brindisi, è entrato nel Corpo nazionale Vvf nel 1942, quando la caserma si trovava in via Osanna

BRINDISI - Il 1 ottobre 2021 compie 96 anni il pompiere più anziano della Caserma di Brindisi, e tra i pochi rimasti dell’epoca anche a livello nazionale. Il cavalier Giuseppe Pinto, ex maresciallo dei Vigili del fuoco di Brindisi, festeggia oggi il suo 96° compleanno tra gli affetti dei suoi famigliari, parenti amici e colleghi.

La sua storia inizia nel secolo scorso. Nato nel 1925, entrò a far parte del Corpo dei Vigili del Fuoco nel 1942, nella prima caserma provinciale di Brindisi, sita in via Osanna, a ridosso del passaggio a livello delle Ferrovie dello Stato. In seguito diventò anche istruttore nelle Scuole Centrali Antincendio a Roma Capannelle. Oltre a tutti gli interventi di soccorso a livello locale, ha anche partecipato in molte grandi calamità sul territorio italiano. Tutt’ora non fa mancare mai la sua presenza durante le manifestazioni varie e le cerimonie di pensionamento dei suoi colleghi che raggiungono la meritata pensione, come esattamente due giorni fa, in occasione de pensionamento del capo reparto esperto Franco Galluzzo.

foto Giuseppe Pinto a Capanelle-2

Il Cav., come ormai tutti i colleghi lo chiamano, è molto amato e stimato dai i suoi Vigili, che da lui hanno imparato molto. Inoltre, come ogni anno, è sempre presente con la sua solita cabina nella Colonia Marina dei Vigili del fuoco sul litorale nord di Brindisi. Attualmente ricopre la carica di presidente onorario dell'Associazione nazionale Vigili del fuoco, sezione provinciale di Brindisi. E’ stato inoltre uno dei fondatori della sezione locale, il cui presidente, Maurizio Saponaro, insieme a tutti i soci, gli augurano un buon compleanno con l’auspicio di averlo sempre fra loro.  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Cav. Giuseppe Pinto, istituzione dei Vigili del fuoco, spegne 96 candeline

BrindisiReport è in caricamento