Domenica, 21 Luglio 2024
Attualità Torchiarolo

Il container - relitto è ancora "al suo posto" sui frangiflutti, ma per poco

Travolto e danneggiato dalle mareggiate a inizio settembre, è visibile a Torre San Gennaro. L'azienda aveva rassicurato: "Nessun rischio di inquinamento". Dovrà essere rimosso entro metà novembre

TORCHIAROLO - Da progetto riguardante la produzione di energia sostenibile e rinnovabile attraverso il moto ondoso a relitto sui frangiflutti. E' la storia di un container a Torre San Gennaro, marina di Torchiarolo. E presto dovrà essere rimosso. Le forti mareggiate di inizio settembre lo hanno travolto e danneggiato, come raccontato in questo articolo. A più di un mese dall'episodio, intanto, è ancora lì, come testimonia una nostra lettrice, con tanto di foto e report. L'azienda ideatrice del progetto - la Geco srl - aveva replicato a BrindisiReport (leggi l'articolo) spiegando che non c'è alcun rischio di inquinamento e che l'opera sarebbe stata rimossa appena possibile. Era il 13 settembre. 

Infatti, una nostra lettrice oggi (domenica 22 ottobre 2023) ci scrive: "Una deturpazione del territorio che, senza nessun intervento immediato, si aggraverà sempre di più. Speriamo che vengano svolti al più presto i lavori per ripulire la zona interessata". La sua preoccupazione è legittima: il relitto è arenato sui frangiflutti facilmente raggiungibili a piedi, a pochi metri dalla battigia, in località "Mare te le fimmine". L'azienda, nella sua replica, aveva aggiunto: "Appena le condizioni lo permetteranno, in coordinamento con tutti gli operatori specializzati in questo genere di lavori, tutti i materiali saranno recuperati per essere riutilizzati in una nuova versione del prototipo, atteso che la verifica della funzionalità del sistema è andata ben oltre le aspettative".

Con l'ordinanza numero 84/2023 la Guardia Costiera di Brindisi il tratto in questione "sarà interessato dai lavori di rimozione di 47 blocchi di cemento dalle dimensioni 1mx1mx1m e la rimozione della vasca pilota denominata sistema S.E.Wa.T. consistente in una vasca metallica del peso di 13 tonnellate, attualmente spiaggiata sui frangiflutti adiacenti la zona". Porprio per questo, è "vietato l'accesso, il transito, la balneazione, la navigazione, la sosta di unità navali in genere, e qualsiasi altra attività". La rimozione del sistema in questione verrà effettuato dalla ditta Dal Pont Submarine Works, con l'ausilio del pontone galleggiante denominato "Maratea" (MF3326) e della M/N "Brigida 2" (MF3357) della compagnia Ecolmare Gargano srl. La ditta esecutrice ha diversi obblighi, tra i quali la segnalazione delle operazioni, che andranno concluse entro il 12 novembre 2023.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il container - relitto è ancora "al suo posto" sui frangiflutti, ma per poco
BrindisiReport è in caricamento