La Cgil - Vigili del Fuoco: "Siamo in grave crisi di organici"

Il sindacato segnala ai vertici nazionali e regionali la situazione. Criticità più alte al porto

BRINDISI – Si aggrava il problema degli organici a Brindisi, e il coordinamento provinciale della Cgil – Vigili del Fuoco scrive ai vertici nazionali e regionali del Corpo, ma anche al prefetto Umberto Guidato, chiedendo urgenti misure di riequibrio con i minimi previsti dalla pianta organica.

“La scrivente organizzazione sindacale non può più esimersi dal denunciare la grave situazione che si è venuta a creare per la carenza delle risorse umane in cui versa il Comando Vigili del Fuoco di Brindisi”, scrive la Cgil nella sua nota, ricordando che a decorrere dal 29 giugno scorso l’attuale dirigente ha assunto l’incarico di comandante provinciale a Lecce e, ad interim, la reggenza del comando di Brindisi.

Dal 7 settembre un funzionario direttivo sarà trasferito da Brindisi a Taranto “con conseguente carenza in pianta organica nel ruolo di ben due unità, che da 3 passeranno a una, per non parlare dell’altrettanto carente situazione dell’organico dei funzionari nei ruoli dei direttivi coordinatori speciali e degli ispettori”, aggiunge la Cgil – Vigili del Fuoco.

Il battello dei sommozzatori dei Vigili del Fuoco che hanno effettuato il recupero-3

Una delle criticità maggiori e nel distaccamento portuale: “A ciò si aggiunga l’ormai cronica carenza di personale specialista nautico nella sede portuale, di ben 4 unità”, denuncia il sindacato nella lettera. “Questo comando dispone di Nucleo Nautico ricompreso nella categoria P1, con dotazione organica teorica prevista pari a24 unità (12 qualificati e 12 Vp)” ma allo stato “l’effettiva dotazione a disposizione è pari a 20 unità operative di cui 9 qualificati capi reparto e capi squadra (4 di coperta 5 di macchina) e 11 vigili, (7 di coperta 4 di macchina)”.

Ma la Cgil evidenzia che “tra il personale operativo menzionato, sono presenti un operatore Sapr, un istruttore navale, un istruttore di patente nautica, un operatore Nbcr III livello/Tas2 e 5 conduttori del simulatore navale”.

“Tali figure professionali sono di conseguenza impegnate in attività di istituto differenti da quelle strettamente connesse con il nucleo nautico – rileva la Cgil - con il conseguente verificarsi di assenze che rendono estremamente difficoltosa l’organizzazione del servizio di soccorso nautico dei Vigili del Fuoco. Inoltre è da evidenziare la preoccupante carenza di personale Sati che, a seguito dei recenti pensionamenti, non è stato per niente integrato”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La Cgil – Vigili del Fuoco infine non manca di rilevare che “la città di Brindisi è la prima realtà a rischi di incidenti rilevanti di tutta la regione Puglia”, pertanto chiede “un autorevole intervento” teso a riportare l’organico del comando di Brindisi “in linea con i minimi previsti in pianta organica”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico incidente sulla Brindisi-Bari, muore un motociclista brindisino

  • Nuovi contagi nelle scuole: positivi a Brindisi, Ostuni, Ceglie e Fasano

  • Un contributo a fondo perduto fino a 40mila euro per gli artigiani

  • Scontro alla zona industriale, giovane motociclista perde la vita

  • Altri 16 alunni positivi nel Brindisino: chiusa una scuola media

  • Migrante investito da un neopatentato: tragedia sulla provinciale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BrindisiReport è in caricamento