Riva Destra, fruibilità delle spiagge: "Sold out e prezzi alti"

Cosa rileva il movimento federato con Fratelli d'Italia nei lidi del capoluogo

Costa brindisina (Foto di repertorio)

BRINDISI – Da Riva Destra, movimento nazionale federato con Fratelli d’Italia, arriva una nota destinata agli amministratori comunali, che riporta un giudizio sulla situazione attuale degli stabilimenti balneari della città. “In giro per i lidi di Brindisi, abbiamo scoperto che non ci sono più posti disponibili. E non solo delle cabine, prenotate già in periodo invernale, ma proprio degli spazi sul tratto di spiaggia definita libera (sulla carta)”, sostiene Riva Destra Brindisi.

“Addirittura in un lido, ci hanno riferito che gli ospiti verranno accompagnati nelle parti laterali della spiaggia, delimitati e che se si sposteranno nel tratto recintato, verranno cacciati e non fatti più entrare (come e con quale autorità sono tutte da vedere). L’emergenza Covid, ha infatti imposto una limitazione degli spazi anche sulla spiaggia, vincolando i gestori ad un limitato numero di ombrelloni; già tutti dati a parte qualche rarissima eccezione”, si legge nella nota.

“Il costo, per noi eccessivo, motivato dai gestori dalle spese di sanificazione e da una ipotizzata riduzione degli introiti, è ben aldilà dei prezzi che ci si aspetterebbe da una città che ha l’ambizione di salire il difficile crinale del riconoscimento di meta turistica nel sentire dei turisti. Tra l’altro, non sono neanche competitivi con quegli di stabilimenti prossimi della provincia”, sottolinea criticamente il comunicato

“Si pongono a questo punto, alcune macroproblematiche alle quali ci auguriamo che l’amministrazione cittadina e le autorità di competenza diano risposte immediate: come verrà gestito l’afflusso di bagnanti che non avranno accesso ai lidi e che si riverseranno nelle spiagge libere? Non avranno vincoli distanziometrici? Come si interverrà per evitare situazioni di spiacevoli, chiamiamole così, incomprensioni?”, chiede Riva Destra Brindisi.

E ancora: “Come verranno accolti e gestiti i potenziali turisti che ‘testeranno’ Brindisi, ma avranno solo un accesso alle spiagge libere? Ci sarà modo di intervenire finanziariamente, per non gravare eccessivamente sulle tasche dei fruitori e far fuggire quel turismo pioneristico a Brindisi? - Visto che il sindaco ha esteso a 13 anni le concessioni (per noi illogicamente, ma questo è un altro discorso) si può pensare che, una volta finita l’emergenza, i prezzi ritorneranno agli standard naturali, senza sperare in un gesto d’amore dei gestori (come ha fatto il premier Conte invocando l’amore dalle banche)?”

“Purtroppo le reazioni scomposte all’emergenza, seppur comprensibili umanamente, non hanno alcuna giustificazione – commenta Riva Destra Brindisi - da chi dovrebbe risultare un punto fisso, un faro, nella nebbia della ansiolitica emergenza. Ci auguriamo che la gestione, a mente e sangue freddi, possa porre rimedio e riportare sui giusti binari la confusionaria e asimmetrica situazione venutasi a creare. Se il primo problema è il Covid, il secondo è la manifesta inopportunità delle scelte dirigenziali nel gestire l’emergenza: Versalis docet”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Ci auguriamo che alla presente nota, non si dia una risposta mediatica, da campagna elettorale permanente, ma una risposta nei fatti, dato che vuole essere un suggerimento e uno spunto per intervenire e salvare il salvabile”, conclude Riva Destra.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz della Polizia contro la Scu: otto arresti fra Brindisi e Mesagne

  • Covid: 12 positivi dopo un ricevimento, chiuso un asilo nido

  • Maltempo nel Brindisino: danni e allagamenti, intervengono i vigili del fuoco

  • Scu, estorsioni nelle campagne: “Un euro per ogni quintale di grano prodotto”

  • Prima svolta, indagato il presunto killer di Eleonora e Daniele

  • Uomo trovato morto in casa dell'anziano che assisteva: disposta autopsia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BrindisiReport è in caricamento