menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Dema, raggiunto l'accordo con l'Inps per la ristrutturazione del debito

Il gruppo, attivo dal 1993, é uno dei principali produttori di aerostrutture commerciali in Italia. A Brindisi sono 300 i lavoratori impiegati

Dopo una lunga e complessa trattativa, Dema, società specializzata nella costruzione di componenti aeronautiche con 4 stabilimenti in Italia e circa 700 dipendenti tra Campania e Puglia, ha siglato un accordo di ristrutturazione del debito con l’Inps. L'accettazione da parte dell’istituto nazionale di previdenza sociale della dilazione del proprio credito nei confronti di Dema costituisce un passaggio fondamentale nell'ambito del percorso di complessiva ristrutturazione aziendale avviato dal nuovo management.

La firma di questo significativo accordo per la nostra azienda - ha dichiarato il presidente e amministratore delegato di Dema, Renato Vaghi - è stato reso possibile grazie soprattutto all’impegno fuori dal comune profuso dalla Direzione generale di Inps e dalle direzioni sia territoriale sia metropolitana di Napoli, a cui va la gratitudine di tutti i lavoratori della società. In un anno difficile per tutti, - ha continuato Vaghi – l’Inps, che pure si è trovata in prima linea nella gestione emergenziale, ha offerto un costante supporto al piano di ristrutturazione societaria, contribuendo in modo determinante alla salvaguardia di circa 700 posti di lavoro: un esempio di impegno e buona amministrazione di cui il nostro Paese ha oggi più che mai bisogno”.

Macina (M5S): “Bene accordo su ristrutturazione debito”

“Apprendo con grande piacere la notizia dell’accordo siglato fra Inps e Dema sulla dilazione del debito con l’istituto di previdenza, che aveva messo a rischio la sopravvivenza della società e il futuro dei lavoratori”. Così la deputata brindisina Anna Macina, portavoce del MoVimento 5 Stelle a Montecitorio. “Questo traguardo – continua – è il risultato del costante impegno che abbiamo profuso sulla vertenza sin dall’inizio. Smentiamo una volta per tutte, con i fatti, chi qualche mese fa aveva attaccato il governo, tacciandolo di immobilismo e adombrando scenari catastrofisti. L’accordo siglato dimostra che il lavoro silenzioso e paziente portato avanti in questi mesi tramite gli incontri tra Mise, Inps e azienda ha portato i suoi frutti, al netto di interrogazioni parlamentari fini a se stesse e usate per fare mera propaganda da alcuni parlamentari di opposizione. Per questo risultato ringrazio anche il presidente dell’Inps Pasquale Tridico. Siamo consapevoli che Dema è una società strategica dal punto di vista economico per il territorio brindisino e fondamentale per centinaia di famiglie. Ora bisogna lavorare al rilancio dell’azienda, sempre salvaguardando i livelli occupazionali” conclude la deputata.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

San Donaci, compie 100 anni: auguri a nonna Giovanna

Attualità

"Me contro te" di Gianluca Leuzzi candidato al David di Donatello

social

Sant'Antonio Abate, il Santo del fuoco tra storia e tradizione

Ultime di Oggi
  • Emergenza Covid-19

    Covid, Puglia: nuovo aumento dei contagi e dei decessi

  • Attualità

    Di Rocco: "Così abbiamo riorganizzato la biblioteca in piena pandemia"

  • Economia

    Porto: "Un commissario straordinario per sbloccare le infrastrutture"

  • Politica

    "Edilizia, nel 2020 ci sono stati segnali incoraggianti"

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento