rotate-mobile
Attualità

Manifestazioni no vax e no green pass: stretta anche in provincia di Brindisi

Direttiva della prefettura: i cortei, dal 15 novembre, non potranno svolgersi nelle aree commerciali delle città

BRINDISI – A partire da lunedì 15 novembre, manifestazioni no vax o no green pass non potranno svolgersi nelle aree commerciali e mercatali e in quelle interessate da mostre all’aperto. Anche la prefettura di Brindisi pone dei paletti allo svolgimento di manifestazioni di protesta contro le misure anti Covid nel Brindisino. Lo fa tramite una direttiva indirizzata ai sindaci della provincia, in attuazione delle indicazioni impartite dal Ministro dell’Interno. Le limitazioni derivano dalle gravi criticità sia sul piano dell’ordine pubblico che su quello dell’esercizio di altri diritti (in particolare i diritti alla libera circolazione, all’esercizio dell’impesa e soprattutto di quello alla salute) che si sono registrate nelle scorse settimane in occasione di cortei contro le misure di contenimento del Covid, in varie città italiane.

Il ministero, in particolare, ha invitato le prefetture ad individuare delle aree urbane da interdire temporaneamente allo svolgimento di manifestazioni pubbliche per la durata dello stato d’emergenza, preservando, in ogni caso, il diritto costituzionale di riunirsi e manifestare liberamente in luogo pubblico. La questione è stata al centro di una riunione del comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica che si è svolta ieri (giovedì 11 novembre), nell’ambito della quale sono stati sentiti anche i rappresentanti del capoluogo e dei Comuni di maggiori dimensioni, fino alla condivisione di criteri di riferimento per lo svolgimento delle manifestazioni contro le misure anti Covid.

Per questo “si è ritenuto di considerare di norma escluse dalle manifestazioni in parola – si legge nella nota della prefettura – le aree urbane concernenti ‘i centri commerciali naturali delle città, le aree interessate dai mercati e dalle mostre all’aperto, meta, soprattutto nei fine settimana, di notevoli flussi di visitatori". Ad ogni modo si potrà anche prevedere “in alcuni casi e nelle fasce orarie nelle quali le suddette aree non dovessero presentare particolari criticità, la possibilità di far tenere nelle medesime manifestazioni di cui trattasi, stabilendone, anche ai fini di contenimento del contagio, lo svolgimento in forma statica”. 

Scarica il documento della prefettura:  Direttiva manifestazioni-2

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Manifestazioni no vax e no green pass: stretta anche in provincia di Brindisi

BrindisiReport è in caricamento