"La direzione Asl dissente dall’onorevole D’Attis", ma disponibile a incontro

Lo comunica il direttore generale della Asl di Brindisi, Giuseppe Pasqualone

BRINDISI - La direzione generale della Asl di Brindisi non condivide quanto espresso dall’onorevole Mauro D’Attis in una diretta Facebook, ma rappresenta la piena disponibilità a un confronto costruttivo sugli argomenti sollevati nella sua dichiarazione. Lo comunica il direttore generale della Asl di Brindisi, Giuseppe Pasqualone.

“Sottoscriviamo appieno – aggiunge Pasqualone - quanto dichiarato in un post su Facebook dal primario del reparto di Medicina interna dell’ospedale Perrino, Pietro Gatti, che è stato chiamato in causa dall’onorevole Mauro D’Attis. Accade a volte, come ha scritto il dottor Gatti, che si attacchi un medico che magari fino a qualche giorno prima era stato chiamato ‘eroe’. Gatti si definisce ‘semplicemente’ un professionista che fa il proprio dovere. Non ci stancheremo mai di esprimere il nostro sostegno a tutti gli operatori sanitari che si stanno prodigando in questa emergenza. Il dottor Gatti è uno di questi: è in prima linea contro il Covid e coordina un gruppo di professionisti che seguono più di trecento pazienti ricoverati in reparti Asl e strutture private. Si impegna al massimo per curarli e come molti altri limita i contatti con i familiari per non metterli a rischio. Pertanto, come detto, la direzione dissente dall’onorevole D’Attis, ma è sempre disponibile a un incontro sui temi al centro della sua dichiarazione”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Puglia passa in zona gialla: cosa cambia fino al 21 dicembre

  • Meno contagi e meno tamponi nel weekend. Resta alto il numero dei decessi

  • Sulla superstrada senza assicurazione e con targhe rubate: inseguimento

  • Coronavirus, risalgono i nuovi positivi e il numero dei decessi

  • Auto si ribalta e finisce nelle campagne: spavento per una ragazza

  • Covid-19, pesante il bilancio dei decessi: 72 in un giorno. Calano i contagi

Torna su
BrindisiReport è in caricamento