menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Asfalto dissestato dopo l'esecuzione dei lavori: ciclisti in pericolo"

Due "canaloni" sul margine della carreggiata in via Provinciale San Vito. Lo segnala l'associazione Friend's bike

BRINDISI - Via provinciale San Vito è una trappola per le biciclette, soprattutto nel tratto fra la ex caserma dei vigili del fuoco e il rione Paradiso, in entrambi i sensi di marcia. Lo segnala l’associazione Friend’s bike Brindisi. “Non sappiamo quale ditta abbia interrato, alcune settimane fa – si legge in una nota dell’associazione - delle tracce di chissà quale conduttura o impianto, ricoprendole con asfalto in modo, a nostro avviso, assai approssimativo, creando due pericolosi canaloni sul margine destro della carreggiata, i quali costringono i ciclisti a circolare in mezzo la strada per evitare il pericoloso dislivello creato dai predetti lavori e la possibilità di cadute, ma esponendoli al grave rischio di essere travolti da auto e mezzi pesanti che sopraggiungono da dietro”.

via Provinciale San Vito 2-3-2

“Sappiamo che il Comune ha problemi di bilancio e non può rifare tutte le strade, così ci viene sempre detto quando facciamo delle segnalazioni di questo tipo. Tuttavia, in questo caso – si legge ancora nella nota della Friend’ Bike -  l'amministrazione poteva vigilare su quei lavori per evitare questo pericoloso scempio”. “In verità, forse sarebbe ancora in tempo – fa notare l’associazione - a richiamare la ditta e ad imporle il ripristino originario dello stato dei luoghi e in tal senso ci appelliamo a chi di competenza. Nella speranza che alla nostra segnalazione seguano atti consequenziali, invitiamo le Autorità competenti a fare dei sopralluoghi e ad adottare i provvedimenti del caso per tutelare l'incolumità e la vita dei cittadini che circolano in bicicletta”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Asl Brindisi: avviso pubblico per l'incarico di direttore generale

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento