Raccolta rifiuti, nuova esclusione di Gial Plast da una gara

A causa dell'interdittiva antimafia. A San Vito aggiudicazione, salvo esiti ostativi della verifica, alla Teknoservice Srl

SAN VITO DEI NORMANNI – Nuovamente esclusa da un appalto per la gestione di un servizio di igiene urbana la Gial Plast Srl. Lo ha stabilito con determina dirigenziale la Provincia di Brindisi, in funzione di Stazione unica appaltante, nell’ambito della gara per l’aggiudicazione della gara biennale per l’espletamento della raccolta e trasporto rifiuti del Comune di san Vito dei Normanni. L’esclusione è avvenuta in fase di scorrimento della graduatoria, dopo il ritiro della prima aggiudicataria e l’esclusione del raggruppamento temporaneo di imprese giunto secondo, per irregolarità contributive ravvisate a carico di una delle ditte che ne facevano parte. La Gial Plast Srl si era qualificata terza, secondo il criterio dell’offerta più conveniente.

L’esclusione è avvenuta “a causa dell’intervenuto ‘decreto di revoca di iscrizione dagli elenchi dei fornitori, prestatori di servizi ed esecutori non soggetti a tentativo di infiltrazione mafiosa di cui all’art. 1 comma 52 della legge 6 novembre 2012, n. 190 (cosiddetta white list) nei confronti della società Gial Plast Srl corrente in Taviano (Lecce)’ emesso dalla Prefettura di Lecce e notificato dalla Prefettura di Brindisi – Ufficio territoriale del Governo  -Ufficio Antimafia, comunicato al Comune di San Vito dei Normanni con nota n. 16402 del 22.03.2019 acquisita al protocollo Comunale al numero 6661 del 25.03.2019, la suddetta nota prefettizia di revoca di iscrizione nella cosiddetta white list è stata altresì trasmessa al presidente della Provincia e acquista al protocollo dell’ente al n. 11620 in data 04 aprile 2019”.

La sede della Provincia di Brindisi-2

L’esito iniziale della gara vedeva primo in graduatoria il raggruppamento temporaneo di imprese Rti - Ciclat Trasporti Ambiente Soc Coop e secondo il raggruppamento Rti – Universal Service Snc secondo classificato, le cui offerte venivano tuttavia giudicate anomale, e venivano rimesse all’esame di congruità da parte del responsabile unico del procedimento del Comune di San Vito dei Normanni. Ma in questa fase il raggruppamento Ciclat Trasporti Ambiente si è ritirato dichiarando formalmente di non avere più interesse alla gara, mentre nel caso del secondo operatore in graduatoria è emersa una irregolarità contributiva della società Bri Ecologica Srl costituente il raggruppamento temporaneo di imprese. Disposto dalla stazione unica appaltante un approfondimento su tale questione da parte del Rup del Comune di San Vito dei Normanni, la Universal Service Snc ha a sua volta risposto con un ritiro dalla gara alla richiesta di controdeduzioni pervenutale.

Si è giunti così all’aggiudicazione della gara alla quarta concorrente in graduatoria, la Teknoservice Srl di Piossaco (Torino) per un importo di aggiudicazione, al netto del ribasso offerto del 2,770 per cento, pari a 3.233.275, 36 euro oltre oneri della sicurezza non soggetti a ribasso, quindi per un importo complessivo di aggiudicazione pari a 3.241.675, 36 oltre Iva. L’importo a base d’asta per la gara era di 3.333.788,63 euro, per una durata del servizio di 24 mesi. Per l’aggiudicazione definitiva bisognerà attendere la verifica dei requisiti, affidata dalla provincia al Comune di San Vito dei Normanni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Banditi nel McDonald's del Brin Park affollato di bambini

  • Incendio in un condominio, in salvo persone bloccate

  • Lite fra vicini sfocia nel sangue: uomo preso a sprangate in testa

  • Lite poi gli spari davanti al mercato della "Corazzata", al Paradiso

  • Oltre 40 grammi di cocaina nascosti in cucina: arrestato un operaio

  • Brindisi "Il porto più bello del mondo". Con i nuovi accosti e un parco urbano

Torna su
BrindisiReport è in caricamento