Attualità

Mobilità lenta e filiera agroalimentare in Valle D'Itria: gli incontri

Il 24 settembre l'appuntamento a Fasano rivolto agli operatori del settore e del turismo slow, con docenti universitari

FASANO - Mobilità lenta e filiera agroalimentare: qual è il punto di incontro di questi settori trainanti per l’economia della Valle d’Itria? Di questo e molto altro parleremo nei prossimi due incontri con la professoressa Anna Trono dell’università del Salento, il professore Vincenzo Fucilli dell’università di Bari e il dottor Angelofabio Attolico di Puglia Promozione. I due appuntamenti, che si terranno il 24 e 28 settembre rispettivamente a Fasano presso i Laboratori Urbani e a Locorotondo presso l’Auditorium “G. Boccardi” a partire dalle ore 17.30, saranno realizzati nel pieno rispetto delle normative del decreto ministeriale in materia di contrasto e contenimento del Covid-19.

“Gli operatori turistici e del settore agroalimentare sono invitati a partecipare perché proprio a loro è rivolta questa attività informativa svolta dal Gal nell’ambito di un progetto finanziato dalla Misura 1 - Trasferimento di conoscenze e azioni di informazione - Sottomisura 1.2 del Psr Puglia 2014/2020” ha dichiarato il direttore del Gal Antonio Cardone

“La narrazione di due sistemi economici che incontrandosi generano valore aggiunto per i produttori, per i fruitori del territorio e per l’economia locale. È questo simbolico 'spazio di relazioni' fra gli attori economici coinvolti che vogliamo indagare per comprendere su cosa investire per crescere. E chiaramente quando crescono gli operatori, cresce il territorio” ha dichiarato il presidente del Gal Giannicola D’Amico.“Con questi due appuntamenti il progetto 'La terra e i suoi frutti' vede la sua piena realizzazione nonostante i tanti ostacoli dell’anno in corso”.

Per informazioni è possibile visitare il sito web del Gal Valle d’Itria. www.galvalleditria.it

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mobilità lenta e filiera agroalimentare in Valle D'Itria: gli incontri

BrindisiReport è in caricamento