Venerdì, 18 Giugno 2021
Attualità

In arrivo dalla Regione 650mila euro. Rossi: "Salvi i lavoratori Adi e Sad"

Ok al finanziamento per la gestione della discarica di Autigno. Il sindaco: "Lo schema di bilancio dell'amministrazione sarà ripristinato"

La giunta regionale, riunitasi oggi (martedì 15 dicembre) in seduta straordinaria, ha approvato uno stanziamento da 650mila euro per i costi della discarica di Autigno. Contestualmente arrivano buone notizie per i lavoratori dei servizi di assistenza domiciliare integrata, Adi e Sad, che dall’1 gennaio rischiavano di restare a casa per carenza di fondi. Lo annuncia il sindaco di Brindisi, Riccardo Rossi. 

“La nostra proposta di bilancio, che conteneva il contributo regionale per i costi di gestione di Autigno, non era evidentemente un desiderio – afferma il primo cittadino - ma qualcosa di estremamente concreto. I 650mila euro sono l’attuale disponibilità nel bilancio residuo regionale 2020; c’è l’impegno di completare la parte mancante con il prossimo bilancio previsionale della Regione Puglia 2021”.

Va ricordato l’inserimento della posta in entrata da un milione di euro riguardante la gestione della discarica di Autigno nello schema di bilancio previsionale approdato lo scorso 16 novembre in giunta era stato al centro di una contrapposizione fra lo stesso Rossi e l’assessore al Bilancio Cristiano D’Errico, che il giorno successivo rassegnò le dimissioni. L’esecutivo non approvò dunque il documento, su cui vi era il parere negativo del dirigente dei servizi Finanziari del Comune di Brindisi, aprendo le porte alla nomina del commissario ad acta, Sebastiano Giangrande, che a sua volta ha depennato quella voce in entrata dallo schema che martedì 22 dicembre verrà discusso in consiglio comunale, accogliendo le obiezioni del dirigente. 

Adesso lo stanziamento della Regione Puglia “consentirà il prossimo anno – afferma Rossi - di ripristinare esattamente lo schema di bilancio proposto dalla nostra amministrazione: conferma la validità delle nostre scelte e l’importante azione di risanamento dei conti del Comune che è stata fatta dalla nostra amministrazione in questi ultimi due anni”. 

“Nel frattempo abbiamo predisposto un emendamento al bilancio previsionale, che presenterò in consiglio comunale il prossimo 22 dicembre – conclude il primo cittadino - che ripristina parte dei fondi per i servizi Adi e Sad, consentendone già dall’1 gennaio 2021 la prosecuzione. Nell’approvazione del bilancio 2021 il capitolo di Adi e Sad sarà integrato completamente”. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In arrivo dalla Regione 650mila euro. Rossi: "Salvi i lavoratori Adi e Sad"

BrindisiReport è in caricamento