Domenica, 1 Agosto 2021
Attualità

Brindisi: 43 milioni di euro per cambiare il volto del centro e delle periferie

Promossi tre progetti dell'amministrazione comunale. Numerosi interventi in centro, fra l'abbattimento dell'edificio abusivo davanti Porta Lecce e i recupero dell'ex scuola Marconi

BRINDISI - Nuovo volto per il centro di Brindisi e i rioni Perrino e Sant’Elia. L’amministrazione comunale ha ottenuto un finanziamento del ministero delle Infrastrutture e dei trasporti, per un importo complessivo di oltre 43 milioni di euro, per tre progetti di rigenerazione urbana, nell’ambito del “Programma Innovativo Nazionale per la Qualità dell’abitare".

“Si posiziona all’interno della graduatoria che dispone già del finanziamento – annuncia il sindaco Riccardo Rossi -  il progetto candidato per il Centro di Brindisi con un contributo di 14 milioni e 600 mila euro. Inoltre gli altri due progetti candidati per i quartieri Sant’Elia e Perrino sono ammissibili, presto finanziabili con i nuovi fondi da parte del Ministero. Ognuno per un contributo di oltre 14 milioni di euro”. Nel progetto centro è prevista: la ristrutturazione dell’edificio ex Agenzia delle Entrate e della scuola Marconi come università, residenze per studenti, sale lettura e biblioteca, aule per conferenze e seminari, servizio mensa. “Abbiamo anche progettato il recupero e la rigenerazione del Giardino ex Parco della Rimembranza – spiega il primo cittadino - con l’area naturalistica lungo il Canale Patri”.

Rigenerazione centro Brindisi-2

Previsti inoltre “nuovi e più qualificati spazi culturali con il restauro del bastione San Giacomo e del bastione Arruinado”. “Non solo, ristruttureremo l’edificio della Croce Rossa Italiana – sezione di Brindisi, come centro sanitario e postazione del primo intervento del 118. Completeremo il restauro di Porta Lecce con l’abbattimento dell’edificio abusivo adiacente. Ma c’è anche lo spazio per lo sport con il restauro della palestra ‘A. Oddo’, nota come palestra Galiano. Inoltre grazie ad un accordo con la curia restaureremo la chiesa del Cristo per una nuova destinazione culturale”.

“È un orizzonte nuovo per Brindisi – conclude Rossi - il nostro centro cambierà volto e anima, recuperando luoghi del cuore e proiettandosi allo stesso tempo nel futuro, puntando sull’economia della conoscenza e della cultura ma anche qualificando le aree verdi e i servizi sanitari per i cittadini. Nei prossimi giorni vi illustreremo nel dettaglio il lavoro che è il risultato corale dell’amministrazione con gli uffici Urbanistica e Lavori pubblici, ma anche di un percorso partecipato con gli ordini professionali e i cittadini, oltre a tutte le importanti partnership stipulate. Oggi è un giorno speciale per Brindisi”. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Brindisi: 43 milioni di euro per cambiare il volto del centro e delle periferie

BrindisiReport è in caricamento