Rifiuti, le foto-trappole scattano sugli incivili: prime multe in arrivo

Il sindaco sconfortato: "Qualcuno ha espletato anche i propri bisogni sul posto". Linea dura sino a quando le cose non cambieranno

BRINDISI – Cadono le prime teste tra gli inquinatori incalliti, quei cittadini ai quali non importa nulla del decoro, urbano, che non fanno la raccolta differenziata e lasciano la loro spazzatura ai bordi delle strade. Il Comune di Brindisi ha reso noti i primi dati sulla campagna di sorveglianza affidata alle videocamere, attiva dal 29 marzo: sono nove i soggetti immortalati nella prima settimana, stando alle registrazioni già esaminate. 

foto trappola2-2La videosorveglianza è stata concentrata sulle zone maggiormente colpite dal fenomeno dell’abbandono indiscriminato dei rifiuti. “Lo scopo è quello di multare i trasgressori e, al contempo, limitare il fenomeno che incide pesantemente sulle percentuali di raccolta differenziata”, ricorda un comunicato del Comune. E ciò che appare nelle immagini è sconfortante, dice il sindaco Riccardo Rossi.

“Non sono le foto che avrei voluto vedere: ritraggono uomini e donne di varie età che gettano sacchi di immondizia, materiale di risulta, televisori, rifiuti ingombranti e lo fanno con grande disinvoltura. C’è anche un uomo che, dopo aver buttato rifiuti, espleta i propri bisogni in strada. Provo rabbia e amarezza per tutto questo; non è il senso di comunità che con gli assessori, i consiglieri e tutta l’amministrazione stiamo provando a costruire”, dice il sindaco Riccardo Rossi.

foto trappola3-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“È un fallimento, il cui unico rimedio al momento è individuare i trasgressori con le foto trappole e procedere con le multe. Per qualcuno ci sarà anche una denuncia penale per atti osceni”, annuncia Rossi. “Spero sia solo una fase transitoria per la città, e che anche la persona più incivile capisca che smaltire i propri rifiuti secondo le regole della comunità sia un suo dovere. Mi auguro di raccontare presto una città più pulita, e l’aumento della percentuale di raccolta differenziata. Noi continueremo a fare la nostra parte”, promette il sindaco.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Brindisi, ospedale Perrino: turista lombardo positivo al Covid-19

  • Furgone si ribalta sull'autostrada: brindisino muore in Veneto

  • Spari contro il balcone di un'abitazione: feriti marito e moglie

  • Giovane malmenata in strada: carabiniere fuori servizio blocca fidanzato violento

  • “Ego”: Jasmine Carrisi debutta come cantante

  • Ostuni torna a popolarsi di vip, fra cantanti ed ex campioni del mondo

Torna su
BrindisiReport è in caricamento