rotate-mobile
Domenica, 19 Maggio 2024
Attualità Francavilla Fontana

Il quartiere San Lorenzo si trasforma: partiti i lavori nell'asilo abbandonato

Una volta terminati, ospiterà un'inedita esperienza di cohousing con spazi per il coworking, laboratori e un market solidale

FRANCAVILLA FONTANA - Prosegue la trasformazione del quartiere San Lorenzo DI Francavilla Fontana prevista dalla Rigenerazione Urbana 3.0 avviata dall’Amministrazione Comunale. Nei giorni scorsi sono partiti i lavori da quasi 1,9 milioni di euro per la riconversione dell’ex scuola materna tra viale Abbadessa, via Parri e via di Castri. L’edificio di 3.600 mq, risalente alla prima metà degli anni ’80 e abbandonato da oltre un decennio, al termine dei lavori ospiterà un’inedita esperienza di cohousing con spazi per il coworking, laboratori e un market solidale.

“Rigenerare – spiega il sindaco Antonello Denuzzo – vuol dire dare una nuova vita agli spazi esistenti, trasformando luoghi dell’abbandono come l’asilo di via Parri in realtà capaci di rispondere alle emergenze che provengono dal territorio, a cominciare dall’esigenza di alloggi e di spazi di socialità. Tutto questo con un occhio rivolto alla sostenibilità ambientale e all’uso delle risorse.”

L’immobile sarà suddiviso in 10 unità abitative in cohousing, ossia caratterizzate dalla condivisione di ampi spazi comuni (coperti e scoperti) come cucina, soggiorno con sala lettura e tv, piccola palestra, sala giochi, lavanderia e servizi igienici. Il nuovo condominio sociale ospiterà, inoltre, aree dedicate al coworking per il lavoro dei professionisti alla ricerca di un ufficio da condividere, alle attività laboratoriali e ad un market solidale. Non mancherà il verde con un giardino con orto sociale e angoli dedicati alla convivialità e ai giochi per bambini.

“Il recupero dell’asilo di via Parri – prosegue l’assessore Nicola Lonoce – ha un chiaro scopo sociale. Dalla condivisione dello spazio possono nascere esperienze di gruppi d’acquisto solidale ed altre iniziative che, oltre a rispondere alle esigenze dei coresidenti, avranno una chiara impronta di sostenibilità. Un esempio di economia circolare che parte dal recupero dell’esistente.”

Il progetto prevede la ristrutturazione dell’immobile, l’efficientamento energetico, l’installazione di nuovi impianti, il miglioramento strutturale, nuove opere murarie per la distribuzione degli spazi, la realizzazione di servizi igienici, nuovi infissi, serramenti e la dotazione degli arredi.

“Con questo progetto – conclude l’assessore Lonoce – non mettiamo semplicemente un tetto sulla testa delle persone, ma vogliamo porre le condizioni perché chi occuperà e frequenterà questa struttura si senta parte attiva della comunità. Da qui vogliamo ribadire che è finito il tempo dell’edilizia pubblica fine a sé stessa. Oggi ogni intervento deve portare valore aggiunto, perché i muri parlano e gli sprechi che hanno caratterizzato il nostro passato devono servirci da lezione.”

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il quartiere San Lorenzo si trasforma: partiti i lavori nell'asilo abbandonato

BrindisiReport è in caricamento