Attualità Francavilla Fontana

“Al lavoro per la pace”, primo maggio con il racconto di studenti e rifugiati

La manifestazione è organizzata dall'amministrazione comunale insieme a Cgil, Cisl e Uil provinciali. Al termine verranno consegnati i riconoscimenti ai lavoratori che si sono contraddistinti per il loro operato

FRANCAVILLA FONTANA - “Al lavoro per la pace”, è questo il tema scelto da Cgil, Cisl e UIl per la Festa dei Lavoratori 2022. Francavilla Fontana, come da tradizione, celebrerà questa ricorrenza domenica 1 maggio alle ore 10.00 con una manifestazione pubblica a Castello Imperiali organizzata dall’amministrazione comunale in sinergia con i sindacati. “La Festa dei Lavoratori arriva nel pieno di un conflitto che sta sconvolgendo l’Europa. Con le organizzazioni sindacali – spiega la vice sindaca Maria Passaro – abbiamo condiviso l’opportunità di utilizzare questo momento di incontro per confrontarci su quanto sta accadendo a poche ore di volo da noi e sul futuro del lavoro in Italia, sospeso tra le opportunità del Pnrr e le nuove incertezze legate alla guerra.”

In apertura, dopo l’esecuzione dell’Inno nazionale a cura della banda Giuseppe Verdi, Oleksandra Hasymova, giovane mamma fuggita dalla guerra con il suo bambino, racconterà quanto sta accadendo in Ucraina e il viaggio che l’ha portata da Kiev a Francavilla Fontana. A seguire saranno le studentesse e gli studenti a testimoniare come le nuove generazioni stanno affrontando questo particolare momento storico carico di incertezze e timori per il futuro. Nel corso dell’incontro interverranno il Sindaco Antonello Denuzzo, il segretario generale Cisl Taranto-Brindisi Gianfranco Solazzo e il segretario generale Cgil Brindisi Antonio Macchia. Modererà l’assessore alle attività produttive Domenico Magliola. Al termine del dibattito il sindaco e i rappresentanti sindacali consegneranno i riconoscimenti ai lavoratori che si sono contraddistinti per il loro operato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Al lavoro per la pace”, primo maggio con il racconto di studenti e rifugiati
BrindisiReport è in caricamento