Giovedì, 5 Agosto 2021
Attualità

Nuova fase nelle ricerche sulle fontane storiche dell’Acquedotto Pugliese

L’iniziativa è promossa dagli assessorato alla pubblica istruzione e alla cultura

FRANCAVILLA FONTANA - Dopo la presentazione della ricerca sul patrimonio delle fontane storiche cittadine condotta dal consiglio comunale delle ragazze e dei ragazzi, prende il via la seconda fase del progetto che prevede il coinvolgimento della cittadinanza. Il lavoro, presentato lo scorso 9 gennaio a castello Imperiali, ricostruisce le origini e l’evoluzione della presenza in città delle fontane, fornendo preziose indicazioni sull’impatto sociale che ha portato con sé l’introduzione sul territorio urbano dell’acqua pubblica gratuita per tutti. “Il lavoro del Consiglio, che non finirò mai di ringraziare, ha delle potenzialità incalcolabili che grazie a questa seconda fase potranno essere sprigionate in maniera completa - dichiara l’assessore alla pubblica istruzione Sergio Tatarano - puntiamo cioè su un processo di riscoperta collettiva che può avere delle ripercussioni su più versanti e che potrà aumentare il senso di comunità, su cui ormai stiamo scommettendo in maniera sempre più convinta come Amministrazione. L'invito che rivolgiamo a chiunque è a partecipare perché questo progetto diventi patrimonio di ogni francavillese.”

La seconda fase del progetto prevede la raccolta delle storie e dei racconti delle persone che sono cresciute e hanno intrecciato un pezzo della propria vita con i riti sviluppati intorno alle fontane pubbliche. Per questa ragione è stata attivata una specifica casella di posta elettronica, fontanestoricheaqp@comune.francavillafontana.br.it, a cui sarà possibile inviare racconti, foto e aneddoti legati a questi piccoli monumenti che sono presenti al Francavilla Fontana sin dal 1914. “Gli spunti forniti dal lavoro di ricerca del consiglio comunale delle ragazze e dei ragazzi sottolineano l’importanza storica delle fontane per la vita della nostra comunità – dichiara l’assessora alla cultura Maria Angelotti – per arricchire ulteriormente questo patrimonio, abbiamo ritenuto importante integrare la ricerca con le testimonianze di chi ci è cresciuto intorno, partecipando attivamente ai riti di vita quotidiana che si sono generati nei pressi di questi piccoli gioielli.”

Tra gli obiettivi prefissati c’è il recupero e il restauro delle fontane. In questa prospettiva è stata avviata una interlocuzione con l'Acquedotto Pugliese finalizzata alla stesura di una progettualità condivisa. Inoltre, si intende sviluppare un itinerario turistico che ripercorra e valorizzi la storia delle fontane pubbliche nella città di Francavilla Fontana. “Nel 2019 abbiamo avviato il progetto “Francavilla nella Memoria” che si propone di salvaguardare la storia locale tramandandola alle nuove generazioni – prosegue l’assessora Angelotti – il racconto della vita sociale intorno alle fontane si colloca in questa scia di riscoperta e valorizzazione del patrimonio storico-culturale francavillese. La storia non è fatta solo dei grandi avvenimenti, ma si compone anche della vita delle persone e dei luoghi di incontro e di costruzione di significati condivisi. Per questa ragione rappresenta fonte di sicuro interesse la realizzazione di un itinerario turistico che ripercorra la storia delle fontane e ne valorizzi i luoghi di collocazione.”

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuova fase nelle ricerche sulle fontane storiche dell’Acquedotto Pugliese

BrindisiReport è in caricamento