rotate-mobile
Attualità Francavilla Fontana

Supporto psicologico e sociale post pandemia: l'amministrazione potenzia i servizi

Il termine ultimo per la presentazione delle istanze è il 23 dicembre. Per maggiori informazioni è possibile rivolgersi all’ufficio dei servizi sociali

FRANCAVILLA FONTANA - L’amministrazione comunale ha approvato un pacchetto di misure per potenziare i servizi sociali cittadini con una dotazione finanziaria di circa 185 mila euro. “Abbiamo deciso – spiega l’assessora ai servizi sociali Maria Passaro – di impiegare i fondi ricevuti dal Governo per migliorare l’offerta dei servizi sociali comunali e avviare progettualità per favorire processi inclusivi. L’emergenza sanitaria ha amplificato le situazioni di disagio ed è importante intervenire anche esplorando nuove tipologie di aiuti che non possono essere esclusivamente di natura economica.”
 
Nelle scorse ore è stato avviato un avviso pubblico rivolto alla cittadinanza per l’accesso ai servizi di assistenza domiciliare sociale ed integrata, di sostegno alla genitorialità e per la fruizione gratuita della mensa scolastica. “Con questo bando – dichiara il sindaco Antonello Denuzzo – rispondiamo alla crescente domanda di cura che riguarda tutti i soggetti più fragili. La pandemia ha reso evidenti alcune emergenze che occorre fronteggiare con urgenza oltre che con aiuti materiali anche con supporto psicologico e sociale.” Le assistenze Sad (servizio di assistenza domiciliare) e Adi (servizio di assistenza domiciliare integrata) sono delle prestazioni professionali di supporto alle attività quotidiane di cura e igiene pensate per una utenza con difficoltà economica composta principalmente da utenti anziani parzialmente autosufficienti e adulti con disabilità.

L’amministrazione comunale ha voluto includere in questo bando un sostegno professionale rivolto ai genitori di bambini e adolescenti tra i 3 e i 18 anni. L’assistenza domiciliare educativa (Ade) prevede l’affiancamento alle mamme e ai papà di un educatore per la cura dei minori. “In questi mesi abbiamo parlato di povertà educativa, dimenticando spesso il ruolo centrale delle famiglie nella formazione di bambini e ragazzi. Con questa misura – prosegue l’assessora Passaro – vogliamo dare un supporto concreto ai genitori per prevenire l’insorgere di futuri disagi e stabilire un corretto rapporto adulti-giovani.” L’ultima misura contenuta nel bando riguarda l’accesso gratuito alla mensa scolastica per bambini e ragazzi con disabilità e per i nuclei familiari con Isee inferiore a 7mila e 500 euro.

Il testo completo e la relativa modulistica sono disponibili sul sito internet istituzionale. Il termine ultimo per la presentazione delle istanze è il 23 dicembre. Per maggiori informazioni è possibile rivolgersi all’ufficio dei servizi sociali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Supporto psicologico e sociale post pandemia: l'amministrazione potenzia i servizi

BrindisiReport è in caricamento