menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Sa' Puglia - sapere per gustare": in vetrina le prelibatezze del territorio

Dal 30 luglio fino a settembre una serie di incontri dedicati ai prodotti agroalimentari più importanti della Puglia

Vuoi conoscere i prodotti tipici della nostra regione? Dall’olio, al vino, ai formaggi e salumi, fino all’ortofrutta e al pesce di Puglia? Da domani e per tutto il mese di agosto e settembre presso la sede del Gal Alto Salento sarà possibile partecipare ad incontri volti ad imparare a conoscere i prodotti agroalimentari più importanti della Puglia nell’ambito del progetto “Sa’ Puglia – Sapere per gustare”. L’iniziativa è promossa dalla Fondazione Its Agroalimentare Puglia, insieme al Gal Alto Salento e al Centro di Ricerca e Sperimentazione in Agricoltura Crsfa "Basile Caramia" di Locorotondo.

Hanno presentato il progetto presso la sede del Gal Alto Salento (ex Macello comunale di Ostuni), il Presidente e il Direttore del Gal Alto Salento 2020, dr. Gianfranco Coppola e il dr. Gianfranco Ciola, il dott. Giuseppe Maggi in rappresentanza della Fondazione Its  Agroalimentare di Puglia e il sindaco del Comune di Ostuni, avv. Guglielmo Cavallo.

Questo percorso di conoscenza sarà tenuto ilocandina Sa' Puglia-2n lingua italiana e inglese da esperti e docenti della materia, ogni martedì, mercoledì e giovedì a partire dalle ore 19,00 presso la sede del Gal Alto Salento 2020 (ex macello comunale di Ostuni ex SS 16). Impareremo a distinguere le qualità organolettiche dei principali vini di Puglia, dal Nero di Troia, al Primitivo di Gioia a di Manduria, fino al Negramaro, gli olii delle varietà pugliesi delle diverse Dsp a cominciare dalla Dop Collina di Brindisi, i formaggi ovini, caprini e vaccini, sia stagionati che a pasta filata.

Conosceremo i salumi di Puglia a cominciare dal Capocollo di Martina Franca (Presidio Slow food), e i prodotti ortofrutticoli con laboratori di degustazione del pomodoro dove saranno messi a confronto alcune vecchie varietà legate al territorio come il pomodoro Fiaschetto di Torre Guaceto e Regina di Torre Canne con i pomodori della globalizzazione ossia varietà commerciali ottenute da ibridi. Una giornata sarà invece dedicata al pesce dell’Adriatico e alle modalità con le quali può essere sfilettato. Tutti prodotti fortemente legati all’identità della Puglia. Conosceremo i metodi di produzione, e attraverso analisi sensoriale potremmo scoprire pregi ed eventuali difetti, al fine di evitare frodi e creare dei consumatori consapevoli che sanno apprezzare la qualità e la storia di un prodotto.

L’incontro è aperto a tutti. 
Info: dott. Gianfranco Ciola + 39 3382673289   dott. Andrea Turco +39 347 705 8982
info@galaltosalento2020.it 
Per prenotazioni: https://www.itsagroalimentarepuglia.it/sapere-per-gustare

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Le nuove aperture in pandemia, simbolo di coraggio e speranza

Attualità

Puglia. Wedding: regole sanitarie e "covid manager" per ripartire

Ultime di Oggi
  • Emergenza Covid-19

    Covid, Puglia: nuovi casi scendono sotto quota 1000, altri 27 decessi

  • Politica

    Torre Guaceto: Brindisi punta alla rotazione della presidenza

  • Emergenza Covid-19

    Apertura strutture turistiche, una soluzione dal passaporto sanitario

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento