Giovanni Piccione fra i maestri del “Barber College”

L’hair stylist di San Pancrazio Salentino selezionato fra gli otto insegnanti del  centro nazionale di formazione per barbiere

SAN PANCRAZIO SALENTINO – Giovanni Piccione sale in cattedra. L’hair stylist di San Pancrazio Salentino è stato scelto come insegnante del “Barber College di Bari”, un centro nazionale di formazione per barbieri, insieme ad altri sette colleghi. Si tratta dell’ennesimo riconoscimento per Piccione, vero e proprio artista di barba e capelli che nel suo salone situato in corso Umberto, nel centro di San Pancrazio Salentino, dà spazio alla sua creatività. 

Nel 2016 ha conseguito i primi successi nell’Hair Tattoo, l’arte di realizzare disegni sul cuoio capelluto, utilizzando solo rasoio, forbice e matita. Negli anni Piccione ha affinato la sua tecnica, fino a diventare un punto di riferimento anche nel settore dell’alta barberia. 

Per questo Giancarlo Palmieri, fondatore del college di Bari, lo ha voluto nel suo team. “E’ per me un grande onore – dichiara Piccione – entrare a far parte di questo gruppo di eccellenze della barberia italiana. Con passione ed entusiasmo cercherò di formare i giovani che intendono seguire la mia stessa strada”. 

I maestri del Barber college, intanto, saranno gli ospiti d’onore dell’International Barber convention che si svolgerà al Palavicchi di Roma dal 29 al 30 settembre. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lavori agricoli, arriva il sì dalla Regione: "attività indifferibili"

  • Paziente muore in ambulanza. Sgomberata Pneumologia

  • Scu, si è suicidato il pentito Sandro Campana: accusò il fratello Francesco

  • "Primo operatore 118 positivo, ora screening urgente per tutti"

  • Muore un imprenditore edile: prima vittima del Covid a Ostuni

  • Dopo le ultime notizie politica durissima con i vertici Asl Brindisi

Torna su
BrindisiReport è in caricamento